Colonia, arrestato tunisino, la polizia: «Preparava micidiale arma chimico-biologica». Il veleno delle serie tv cult

Ne bastano 0,2 milligrammi per causare la morte di un uomo: è la ricina. Un'arma chimico-biologica dal potenziale micidiale: è questo che gli inquirenti sospettano stesse preparando un tunisino di 29 anni, arrestato a Colonia nei giorni scorsi. Nel suo appartamento sono stati ritrovati circa un migliaio di semi da cui è facilmente estraibile una proteina altamente tossica, la ricina. Secondo gli esperti la sostanza, che può essere mortale anche in minime quantità, è classificata come potenziale arma da guerra biologica.
Ed è inoltre così nota da "apparire" in numerose serie televisive quali Designated survivor, Breaking Bad, The Mentalist, Ncis

«Esistono poche sostanze più pericolose di questa», ha dichiarato oggi il ministro degli Interni del Nord Reno-Vestfalia, Herbert Reul. Saifallah H., il tunisino arrestato, è accusato di aver violato la legge sulla detenzione illegale di armi da guerra e sospettato di pianificare un attentato terroristico. Anche se in serata le autorità inquirenti hanno cercato di ridimensionare l'allarme: «Non ci sono stringenti indizi di reato per poter dire che stesse preparando un crimine violento pericoloso contro lo Stato», ha fatto sapere dalla procura federale. Al momento non può dirsi «chiarito in maniera definitiva» se il tunisino volesse preparare o meno un attentato di matrice islamista, ha precisato la procura.

L'accusato, arrivato in Germania nel 2016, avrebbe messo in pratica i suoi progetti all'inizio di giugno acquistando su internet i semi della pianta e un macina-caffè elettrico. La Cia, che monitora gli acquisti di sostanze potenzialmente pericolose, ha allertato le autorità antiterrorismo tedesche che sono passate in azione perquisendo l'appartamento e arrestando il sospettato. Gli investigatori ritengono che si tratti del «maggiore potenziale di pericolo che sia mai stato ritrovato in Europa», riferisce il tabloid Bild. Al momento non si hanno notizie di complici ma, secondo le informazioni rese note da Spiegel, l'acquisto di semi potrebbe essere interpretata come l'esecuzione di un'indicazione dell'Isis per la produzione di una bomba biologica.


Secondo il Robert Koch Institut, la ricina è facilmente estraibile dai semi della pianta. Il trattamento della sostanza è stato limitato e controllato dopo l'accordo sulle armi chimiche del 1997. Anche in minime quantità, la sostanza può essere letale in un arco di 36-48 ore.
Giovedì 14 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 18-06-2018 22:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-06-15 13:37:52
Quando la TV DIVENTERA' ETICA molti mali di questa società spariranno. Pensare che bombardare continuamente con violenze dettagliate minuziosamente in individui marginali può provocare reazioni incontrollabili. Ormai non si trasmettono più film o trasmissioni comiche, divertenti..... solo angoscie, ansie , terrore e disgrazie. Qualcuno diurà che si trasmette ciò che la gente vuole. A parte che non è vero ma se la gente veramente volesse guardare violenze più volte al giorno sarebbe ancora più grave
2018-06-15 15:08:29
"bombardare continuamente con violenze dettagliate minuziosamente in individui marginali può provocare reazioni incontrollabili". Spesso l'ironia nei commenti è difficile da essere compresa dal lettore. Capire che "bombardare" stava per "informare", "violenza dettagliate" stava per "chiara descrizione", "individui marginali" stava per "immigrati fanatici ed antisociali", "reazioni incontrollabili" stava per "decisioni politiche finalmente valide", non è facile per tutti. Grazie comunque.
2018-06-15 12:55:58
Che brava gente questi tunisini. Sono pochi ma sempre sul giornale.
2018-06-15 06:04:14
Informate il papa per favore.
2018-06-14 22:15:34
Falso. Solo Salvini vede terroristi fra i tunisini. Chiedere conferma a boldrini o grasso.
QUICKMAP