Birmingham, quel mini-califfato del Regno Unito

Giovedì 23 Marzo 2017 di Riccardo Tagliapietra
16

Benvenuti a Birmingham, il piccolo califfato del Regno Unito. Una provocazione. Potrebbe recitare così il cartello turistico alle porte della seconda città più popolosa della Gran Bretagna, oltre un milione di abitanti? Sbaglia chi pensa che la "famigerata invasione islamica" immaginata a vario titolo da storici, romanzieri, sociologi, riguardi soprattutto Francia e Belgio. Perché come diceva un anno fa, incassando un fiume di critiche, il giornalista americano di Fox News, Steve Emerson, «ci sono città come Birmingham che sono totalmente musulmane e dove i non musulmani non si avventurano ad entrare». Una dichiarazione alla quale erano seguite le scuse dell'emittente. A rileggerla oggi, però, il sapore è differente. Tanto che a distanza di pochi mesi l'allarme lanciato all'epoca dai servizi segreti britannici sembra essersi materializzato improvvisamente sul ponte di Westminster.

Non è un segreto. Tre anni fa le autorità scolastiche britanniche avevano scoperto un piano (chiamato il cavallo di Troia) con il quale alcuni gruppi radicali avevano di fatto preso il controllo di quattro scuole pubbliche di Birmingham nel centro del Paese: presidi e professori di credo islamico, ottenuta la maggioranza nei consigli di istituto, stavano cercando di indottrinare gli studenti ai dettami del Corano e della Sharia. Un primo risultato era stato di non autorizzare le recite dei ragazzini per Natale, ritenute «una pratica da infedeli». Un'inchiesta cui si aggiungono i numeri suggeriti da alcuni quotidiani inglesi: nessuna cifra ufficiale, ma gli esperti parlano di almeno 30 condanne per atti terroristici legati in città dal 1998, da Moinul Abedin, considerato il progettista della prima Al Qaida, che tramò contro l'Occidente, ai sette uomini Birmingham che cospirarono per rapire e decapitare pubblicamente i soldati britannici a guardia nelle città.

Ma sempre a Birmingham, dopo la strage di Charlie Hebdo, circa 6mila musulmani parteciparono alla preghiera del venerdì per condannare l’azione terroristica. L’imam di Birmingham, Muhammad Talha Bukhari, durante la preghiera disse: «Questo non è islam. Dio ha creato il mondo come un giardino. Musulmani, ebrei, cristiani e induisti fanno parte di questo quel giardino come fiori diversi». E proprio un giardino multicolore appare a Birmingham la distribuzione religiosa nella popolazione con il 46% di cristiani e il 21.8% di islamici, seguiti a distanza da sikhismo (3%), induismo (2.1%), buddismo (0.4%), nessuna religione (19.3%), non dichiarato (7.3%).
 
A questi numeri si affiancano quelli dell'altra Inghilterra, che non sembra così diversa. I servizi segreti britannici, secondo la stampa inglese, sono sempre all’erta per scongiurare che la crescita esponenziale dei musulmani possa provocare
«mutazioni irreversibili» nella società dei lords. A Londra, ad esempio nel municipio di Tower Hamlets, vicino alla City, i musulmani sono il 35 per cento dei residenti. Nella stessa Westminster gli islamici sono vicini al 20 per cento, mentre a Luton, dove c’è il terzo aeroporto londinese, sono oltre il 25 per cento della popolazione. Le cose non vanno diversamente a nord. I musulmani a Manchester, ex cuore industriale del Paese, sono il 17 per cento. L’Islam oggi è già la seconda religione in Inghilterra, con una popolazione di quasi tre milioni, il 4,5% circa del totale del Regno Unito, il doppio di venti anni fa. E la grandissima maggioranza di questi sono religiosi osservanti.

C’è smarrimento e confusione. La British Law Society, un organismo inglese, ha mandato una circolare agli avvocati e ai notai affinché gli studi legali possano accettare testamenti redatti secondo le regole della Sharia, che consentono che le donne ritenute infedeli possano essere escluse dall’eredità del marito o del capofamiglia: uno scoop del Telegraph che aveva creato non poco in imbarazzo, visto che in questo modo veniva praticamente sancita una legge islamica all'interno del sistema giuridico britannico. E di fronte a questi indizi, anche la Brexit può essere riletta. Passi la questione economica: uno dei due motivi che hanno spinto la pancia degli inglesi a preferire l'uscita dall'Ue per chiudersi a guscio e slavarsi dalla presunta "contaminazione" europeista. Considerando invece il secondo fattore, quello della «riconquista della sovranità», amplificato attarverso una profonda retorica politica populista e nazionalista, sembra  - a giudizio dei numeri - arrivato quantomeno in ritardo.

Ultimo aggiornamento: 24 Marzo, 08:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma