Asselborn attacca di nuovo Salvini: «Fascista». La replica: «Si prenda i migranti»

Asselborn attacca di nuovo Salvini: «Fascista». La replica: «Si prenda i migranti»
Dopo i duelli a distanza con i maltesi, con Emmanuel Macron, con Jean-Claude Juncker o con questo e quel commissario di Bruxelles, il nemico del momento in Europa per Matteo Salvini è il ministro degli Esteri del Lussemburgo Jean Asselborn. Che dopo il duro botta e risposta sui migranti andato in scena pochi giorni fa, dà apertamente del «fascista» al titolare del Viminale. Accuse rispedite al mittente dal leader della Lega: «Se gli piacciono i migranti, se li prenda», la replica di Salvini, che definisce Asselborn un «ignorante», come «tutti coloro che non hanno argomenti, continuando a darmi del fascista, del populista, del razzista».

LEGGI ANCHE Salvini-Berlusconi, vertice ad Arcore. Imbarazzo M5S, Di Maio: «Fatti loro»

 

Il ministro dell'Interno «usa metodi e toni dei fascisti degli anni Trenta», è infatti tornato ad attaccare Asselborn in un'intervista allo Spiegel. Il video del diverbio con Salvini a un vertice dei ministri Ue a Vienna venerdì scorso è stato «una provocazione calcolata», secondo il lussemburghese. Asselborn, in particolare, ha accusato i collaboratori del leghista di «riprendere sistematicamente tutto quello che dice», violando la prassi non scritta seguita in questo genere di incontri istituzionali. Tanto che la presidenza austriaca di turno dell'Ue ha sottolineato di «non essere al corrente della registrazione» dell'intervento.

Asselborn è peraltro il secondo personaggio di spicco che nel giro di un paio di giorni ha richiamato le dittature del passato per parlare dell'attuale situazione politica del Vecchio Continente. Giovedì era stato il commissario europeo francese Pierre Moscovici a evocare un «un clima che assomiglia molto agli anni '30» e «piccoli Mussolini» che si aggirerebbero per l'Europa. Suscitando un coro di proteste da parte di Lega e M5s. La replica del vicepremier alle ultime esternazioni di Asselborn non si è comunque fatta attendere: «Dopo aver interrotto un mio discorso urlando 'merdà, oggi mi dà del fascista - ha risposto Salvini -. Ma che problemi hanno in Lussemburgo? Nessun fascismo, solo rispetto delle regole».

Al vertice informale di Vienna, il litigio era scoppiato quando il ministro italiano aveva sottolineato di «non avere l'esigenza di nuovi schiavi per soppiantare i figli che non facciamo più». Parole che avevano fatto sbottare il collega lussemburghese: Asselborn aveva ricordato gli emigrati italiani e invitato l'Italia a «occuparsi dei suoi soldi per aiutare a dare da mangiare ai suoi figli». Concludendo con l'imprecazione «merde alors».

Salvini in questi giorni ha anche più volte definito il Lussemburgo «un paradiso fiscale» che non può dare lezioni
all'Italia. Un'etichetta che a quanto pare non è piaciuta al presidente del parlamento del Lussemburgo Mars Di Bartolomeo, collega di partito di Asselborn. «Se davvero la Lega ha nascosto la sua cassa nel mio Paese - ha attaccato in un'intervista al Fatto quotidiano il politico di origine italiana - presto scoprirà che non siamo un paradiso fiscale ma seguiamo le regole della trasparenza». Un riferimento, con ogni evidenza, alla notizia che appena pochi giorni fa i pm genovesi sono andati in Lussemburgo per acquisire documenti e sentire sei testimoni nell'ambito delle indagini sull'ipotesi di riciclaggio di una parte dei fondi ottenuti dalla Lega con la presunta truffa ai
danni dello Stato.


 
Domenica 16 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 17-09-2018 00:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 100 commenti presenti
2018-09-17 16:46:44
Bene Salvini. Dimostra di sapersi muovere bene e sta tutelando gli Italiani. Pensate solo per un attimo se fosse stato Salvini a esprimersi in questo modo ad una sua maestà qualsiasi Lussemburghese (o sua mestizia, viste le offese, che anche al sottoscritto sono state rivolete in quanto Italiano). Apriti cielo. Bene, per la prima volta mi sento tutelato nella mia dignità di Italiano da un politico. B R A V O S A L V I N I
2018-09-17 15:44:06
DURO attacco di Maros Sefcovic, vice presidente della commissione europea a SALVINI"""Questi politici fanno false promesse sapendo che in parte non possono mantenerle e giocano con il fuoco, volendo distruggere la nostra cooperazione europea. PER FAVORE CHIEDA SCUSA E TACCIA""""": ::::::....Tutto detto in una intervista fatta all`ANSA.Il gioco politico diventa sempre più pericoloso per il nostro SALVINI.
2018-09-17 16:22:58
meglio che sia questo stefovoc a tacere. Intervento inopportuno ed arrogante, tipico di chi sta perdendo terreno e consenso politico.
2018-09-17 18:09:27
quando l'anno prossimo sul conto ti arriveranno invece che gli euros della pensione ..fotografie di salvini e ggiggetto...mi raccomando non spenderle tutte subito...lolololololo
2018-09-17 15:26:23
Il Lussemburgo non è altro che i salvadanaio di organizzazioni criminali ed evasori fiscali di tutto il mondo, che depositano lì il denaro sporco o comunque frutto di attività illegali. Questo tizio, quindi, non ha alcuna voce in capitolo e se avesse un briciolo di dignità dovrebbe tacere e pensare al marciume di casa sua. Altrimenti, come dice giustamente Salvini, si metta in casa una decina di profughi. Troppo facile fare l'ipocrita ed il benefattore con la salute (per non dire altro…) altrui.
100
  • 235
QUICKMAP