Salvini e il ministro del Lussemburgo: «È impazzito?»

EMBED
«Io voglio che i nostri ragazzi facciano figli e che l'Italia non diventi un campo profughi. Se li vuole tutti in Lussemburgo possiamo mandargliene a migliaia». Così il ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini, riferendosi al ministro degli Esteri del Lussemburgo Jean Asselborn con cui ha avuto un battibecco a Vienna, alla Festa della Lega di Paullo (Milano). «Quando sento dire che gli immigrati che arrivano adesso in Italia e poi vanno in giro a sporcare e far casino sono come i nostri nonni che sono emigrati nel mondo negli anni passati, mi arrabbio. Quando sento dire che c'è bisogno di immigrati perché i nostri ragazzi non fanno dei figli mi arrabbio», ha aggiunto Salvini sempre riferendosi al diverbio con il collega lussemburghese.


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla Lazio allo studio dentistico, la parabola del dott. Perpetuini

di Mimmo Ferretti