Educazione civica per gli studenti di Treviglio: «La razza bianca sopporta meglio l'alcol» Libretti al macero

Mercoledì 9 Maggio 2018 di Claudia Guasco
13
MILANO L’affermazione incriminata è a pagina 45 dell’opuscolo: «Alcune razze sono costituzionalmente meno tolleranti all’alcol della razza bianca». Una frase già di per sé discutibile, con quel riferimento alla «razza», tanto più se contenuta in un libretto informativo che avrebbe dovuto essere distribuito nelle scuole. Risultato: grande imbarazzo delle autorità, tante scuse e 2.000 copie mandate al macero.

GAFFE DEL COMUNE
E’ successo a Treviglio, provincia di Bergamo, nell’ambito di un progetto di sensibilizzazione alla sicurezza stradale fortemente voluto dal Comune. Stamattina la presentazione in pompa magna del volumetto destinato agli studenti delle scuole secondarie di primo grado, pubbliche e paritarie, con le autorità schierate in sala consiliare. Accorrono il sindaco Juri Imeri, la sua vice Pinuccia Prandina, il comandante della polizia locale Antonio Nocera, i referenti dell’azienda che ha realizzato i fascicoli, Francesco Bertan e Alessandro Frizzi, i dirigenti delle scuole medie cittadine. Viene illustrato l’opuscolo nel quale si insegnano comportamenti virtuosi in tema di circolazione stradale, ma non solo. Alcune sezioni infatti sono dedicate a temi critici come il bullismo e il consumo di alcol. Ed è proprio qui che compare la frase in cui si collega la tolleranza dell’alcol alla «razza». Una definizione infelice, probabilmente una svista in fase di correzione delle bozza prima della pubblicazione, fatto sta che è stata notata proprio al termine della conferenza stampa di presentazione mandando su tutte le furie le autorità trevigliesi.

«ERRORE IN BUONA FEDE»
L’amministrazione comunale ha subito chiesto la ristampa con lo stralcio della parte «incriminata», facendo distruggere le copie pronte per essere distribuire agli studenti. «E’ inaccettabile che nel 2018 vengano scritte cose simili», si indigna Donatella Finardi, direttrice dell’Istituto comprensivo De Amicis che ha immediatamente bloccato la diffusione del testo. E i colleghi sono della stesso opinione. La vice sindaco Pinuccia Prandina si scusa: «Sono desolata per quanto accaduto – dice – Prendo le distanze da quella frase, ma sono sicura che si tratti di un errore fatto in buona fede. Anche perché i libretti sono stati redatti professionisti che hanno distribuito la stessa pubblicazione nelle scuole di Bergamo e Clusone. Purtroppo non ho avuto modo di leggerli integralmente prima che venissero stampati, altrimenti avrei fatto cancellare quella frase sull’alcol. L’azienda mi ha comunque assicurato che entro pochi giorni farà la ristampa corretta».
Ultimo aggiornamento: 10 Maggio, 17:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La volpe sfrattata dai topi

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma