Vendevano ossa e scheletri sul web, tre indagati per traffico di resti umani

Sabato 8 Settembre 2018
3
Tre insospettabili professionisti incensurati che via Internet avrebbero venduto teschi e scheletri in tutto il mondo ad appassionati del macabro, acquistando a Praga le ossa dissotterrate in Repubblica Ceca per poi piazzarle sui siti di annunci rincarando il prezzo anche di sei volte. A scoprire il traffico illegale di resti umani sono stati i carabinieri di Milano, coordinati dal pm Francesco Cajani, esperto in reati informatici, al termine di una inchiesta lampo che ha portato ad iscrivere nel registro degli indagati un ingegnere, un commercialista e un tecnico informatico, tutti 40enni, senza precedenti e non legati tra loro.

L'indagine è partita lo scorso 28 agosto, quando al centro smistamento dell'Ups di Milano la macchina a raggi X ha individuato un teschio in un pacco per San Francisco. Il giorno dopo, allo stesso centro, è stato intercettato un altro scatolone con due crani spediti all'estero. Immediatamente inquirenti e investigatori si sono messi al lavoro e nel giro di pochi giorni hanno rintracciato chi aveva messo in piedi questo commercio 'horror' ma parecchio remunerativo: tre uomini, uno residente a Milano e gli altri due in Piemonte, di cui non sono state al momento fornite le generalità, e che sono stati definiti «insospettabili». Durante le perquisizioni a casa degli indagati i militari hanno trovato numerose ossa: 9 teschi, due scheletri completi, diversi arti e bacini. La datazione e tutte le analisi relative all'origine sono state affidate al laboratorio forense di Milano diretto dalla dottoressa Cristina Cattaneo. Ora le indagini puntano a capire se ci sia una rete dietro questo business e quale sia la destinazione dei resti per altro costosi: un teschio in buono stato, per esempio, era acquistato a 100 euro e rivenduto in Svizzera o negli Stati Uniti a 600.

La sensazione è che si tratti di un commercio tra collezionisti e, per ora, non ci sono elementi che facciano pensare a riti satanici o simili. Inoltre, proprio per avere un quadro più chiaro della vicenda, gli uomini dell'Arma, che hanno constatato pure che c'è un mercato fiorente di questo genere di prodotti, attiveranno i contatti preliminari con l'Interpol per risalire chi dall'ossario di Praga avrebbe trafugato le ossa arrivate in Italia. L'accusa per i tre venditori è regolata dal dpr 285 del 1990, che punisce con una sanzione amministrativa il commercio e la detenzione di resti umani. Resti che possono essere conservati, come accade negli atenei, per fini scientifici e con specifica attestazione ma mai venduti.
Ultimo aggiornamento: 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma