Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Francia accusa l'Italia, ma dimentica i metodi che usa a Ventimiglia per respingere i migranti

La Francia accusa l'Italia, ma dimentica i metodi che usa a Ventimiglia per respingere i migranti
di Mario Ajello
1 Minuto di Lettura
Martedì 12 Giugno 2018, 16:04
La Francia di Macron  ci accusa: "Italia vomitevole perché impedisce l'arrivo dei migranti". Però la Francia è quella che da anni ha costruito un muro di poliziotti per impedire che da Ventimiglia entrino nei loro confini centinaia di migranti. Costringendoli  ad accamparsi penosamente sotto i  ponti e all'addiaccio in una condizione che ha scatenato contro i francesi le critiche e le denunce di tante associazioni umanitarie e di soccorso internazionale. 

Ad aprile, per esempio, è accaduta una scena che i francesi secondo i canoni che ora applicano a noi  dovrebbero definire, ma non lo hanno fatto, "vomitevole". Una donna africana incinta viene sorpresa su un treno che la porta clandestinamente oltre Ventimiglia, viene malmenata e respinta. L'hanno trascinata giù dal treno prendendola per le braccia e le gambe come fosse materia inerte, merce da scaricare, e non una donna incinta. La Francia insomma usa  il pugno duro con i migranti al confine con l’Italia. Ma i "vomitevoli" siamo solo noi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA