Acqua Santa Croce ritirata dai supermercati. Il Ministero: «Non bevetela»

Allarme per l'Acqua Santa Croce, lotti ritirati dai supermercati: «Non bevetela»
Allerta dal Ministero della Salute per un lotto di acqua Santa Croce. «Non bevetela», si legge in un comunicato diramato dal dicastero che ha portato al ritiro dagli scaffali del supermercato delle bottiglie di vetro da un litro.

 Il richiamo riguarda le bottiglie uscite dallo stabilimento Sorgente Fiuggino-Canistro, in provincia dell'Aquila, con numero di lotto BL060A10 e data di scadenza marzo 2020.
Il ministero invita a evitare di bere l'acqua di quelle bottiglie e riportarla nel negozio in cui sono state acquistate. Le bottiglie in questione potrebbero infatti contenere una presenza consistente di particelle in sospensione da caratterizzare.

Chi ha in casa acqua "Santa Croce - Oligominerale", nel formato da 1 L in vetro, imbottigliata presso lo stabilimento indicato e con il numero del lotto sotto accusa deve dunque evitare di consumarla e riportarla al negozio dove è stata acquistata
Sabato 11 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-08-2018 18:47

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2018-08-13 09:57:54
Attenzione Sognatore Romanista: hai assolutamente ragione riguardo le acque del supermercato, specialmente quelle in bottiglia di plastica. Ma non mi puoi dire che chi le acquista non sa cosa beve. Su ogni bottiglia, come tu ben sai, c'è un'etichetta che riporta la provenienza e le caratteristiche chimico-fisiche dell'acqua. Lasciamo stare il discorso della pubblicità, che è uno scandalo bello e buono. Il problema deriva dall'ignoranza del consumatore, abituato ad afferrare qualsiasi prodotto e a inflirarlo nel carrello senza leggere neanche per una frazione di secondo quello che sta acquistando. Ma la cosa è voluta e incoraggiata, purtroppo.
2018-08-13 17:24:05
Dovresti informarti bene su quali e quante sono le microparticelle di plastica che dal contenitore, specialmente se lasciato a temperature elevate (come potrebbe accadere durante il trasporto), si trasferiscono nell' acqua e poi nel tuo organismo...e dovresti riflettere su quanto siano attendibili le informazioni date sull etichetta, se non puoi verificarle in nessun modo...un conto e' l' analisi dell' acqua al momento del prelievo e dell' imbottigliamento, un conto e' quella al momento del consumo, magari dopo mesi... se permetti, io preferisco una sorsata di acqua corrente bevuta dauna fontanella all' ombra...
2018-08-12 20:34:47
JohnWayne, Ti riferisci ai filtri piazzati all'allaccio? Andare avanti a comprare acqua in bottiglia, (sopra tutto se di plastica), mi pare che sia un abbassamento della qualita' di vita gravisimo per la capitale di un paese fondatore di della C.E.!? Cosa fare? Trinunale europeo?
2018-08-12 16:13:38
Passato davanti a diversi negozi bangladeshi a Roma in zona Piazza Bologna. Sono pieni di acqua Santa Croce, chissà se i NAS lo sanno ?
2018-08-12 15:29:11
Per Sognatore Romanista: io abito in una zona est della capitale, l'acqua che esce dal mio rubinetto è biancastra (cosa che ho notato anche in un altro sito a 2 km di distanza). Inoltre il gusto è orrendo. In sostanza imbevibile. Un tempo (per anni) ho bevuto solo acqua del rubinetto. Ora qualcosa è cambiato ne sono certo. Non so se sia Peschiera o l'altra dovrei verificare sul sito, ma ti confermo che è imbevibile (ho provato anche con i filtri con scarso successo). A malincuore (davvero) ho dovuto comprare acqua in bottiglia, almeno bevo qualcosa che veramente sa di acqua.
20
  • 4,1 mila
QUICKMAP