MIGRANTI

Migranti, il Friuli vuole le fototrappole al confine: «Così li rimandiamo in Slovenia»

Giovedì 16 Gennaio 2020 di Mario Ajello
4
Migranti, il Friuli vuole le fototrappole al confine: «Così li rimandiamo in Slovenia»

«Siamo pronti ad acquistare fototrappole da posizionare sui sentieri in prossimità dei confini per individuare in tempo reale i transiti di immigrati irregolari». Ecco l’annunciato dell’assessore regionale a Sicurezza e Politiche dell’immigrazione del Friuli Venezia Giulia, Pierpaolo Roberti. Poi spiega l’esponente della giunta leghista guidata dal fedelissimo salviniano, Fedriga: «Questi sistemi di rilevazione ottica trasmetterebbero i dati raccolti all’Amministrazione regionale e alle forze dell’ordine, permettendo così interventi mirati e aumentando il numero di riammissioni, in particolare verso la Slovenia».

LEGGI ANCHE Allarme foreign fighters se l'accordo di Tripoli salta

Sarebbero, quindi, un supporto all’attività di controllo dei confini, per rispedire indietro gli immigrati che cercano di entrare in Italia. Roberti ha concluso: «La Regione è al fianco delle forze dell’ordine, alle quali intendiamo garantire il massimo supporto possibile per contrastare i flussi migratori irregolari. In tale senso, il ricorso alle fototrappole potrebbe essere una soluzione di rapida e semplice attuazione che favorirebbe in maniera rilevante il lavoro degli agenti di pattuglia sui confini».

Evidentemente la Regione si è già attivata, perché l’assessore ha spiegato che «si tratta di apparecchiature poco costose che, grazie a specifici software, possono essere tarate per individuare solo la presenza umana. La loro adozione è quindi un’opportunità interessante che va ad aggiungersi alle altre già prospettate, come l’utilizzo di droni o di postazioni fisse con telecamere termiche». Il Pd insorge: «I migranti trattati come cinghiali e altri animali da braccare con le trappole. Massima inciviltà!».

Ultimo aggiornamento: 13:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA