GOVERNO

Ivano Fossati e la finta crisi di governo

Venerdì 19 Luglio 2019 di Mario Ajello
Ivano Fossati e la finta crisi di governo

«In piena decadenza / Le parole non hanno chance / È proprio una faccenda inquietante / Il pensiero che degenera».  È la canzone di Ivano Fossati nel suo ultimo disco Decadencing. Che cosa ricorda questo ritornello? Ricorda la situazione politica che si è appena innescata tra Lega e M5s: cioè la crisi di governo simulata a colpi di parole altisonanti, offensive e contundenti tra Salvini e Di Maio e nessuna rottura reale tra i gialli-verdi. Un wrestling linguistico. Una crisi delle parole. Più gli insulti si fanno gravi e definitivi e più si svuotano, perdono di senso.

Strappo di Salvini, venti di crisi Il vicepremier diserta il Cdm di oggi

Di Maio: «Escludo una crisi, vediamoci e avanti. Riforme importanti da realizzare»
 

Proprio come aveva raccontato, anni fa, nel suo disco definitivo quel genio di Fossati. «In questa decadenza / 
In mezzo a tanta oscurità / Le speranze non hanno chance / C’est la décadence / C’est la décadence».  E tra Salvini e Di  Maio, nel loro mare di offese reciproche, in realtà vige quella specie di contratto intimo di cui sempre Fossati canta: «Mi guardo a sinistra / Poi guardo verso destra / E tutto quello che ho da vedere / E’ una frontiera da attraversare con te / Facciamo un affare noi due / Ci diamo una seconda possibilità / È la sopravvivenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma