Da Vasco a Calcutta, i leader dopo le Europee potrebbero svegliarsi con queste hit

Giovedì 23 Maggio 2019 di Simone Canettieri
Da Vasco a Calcutta, i leader dopo le Europee potrebbero svegliarsi con queste hit
Ma che risveglio sarà lunedì per i leader della politica italiana? E quali colonne sonore potrebbero accompagnarli nel primo giorno del post voto? Tutto dipende dai risultati, certo. Ma ecco una rassegna delle hit che potrebbe arrivare alle loro orecchie.

Matteo Salvini. Il leader della Lega è un grande amante di De André. Ma se il Carroccio sarà il primo partito già sembra di ascoltarla: Gigliola Cinguetti in Questa è casa mia è qui comando io. Una canzone manifesto rivolta proprio al M5S e al premier Giuseppe Conte.



Luigi Di Maio. Il Capo dei 5 Stelle ce l'ha messa davvero tutta in questa campagna elettorale per non cantare Siamo la coppia più bella del mondo. Ma tutti gli occhi sono puntati su di lui, il giorno dopo del voto. E Di Maio farà di tutto per non dover intonare Odio il lunedì di Vasco Rossi (passerò tutta l'estate qui, compresi i lunedì, quelli li odio di più, ma lo so è così).



Nicola Zingaretti. Poi c'è il leader del Nazareno: prima delle elezioni ha incassato la colonna sonora di Fiorella Mannoia, ritornata alla casa del padre dopo l'ubriacatura per il M5S. Ma Zingaretti non può che puntare ad ascoltare Secondo me di Brunori Sas. Non solo perché il titolo contiene il vero desiderio del Pd (arrivare appunto secondo davanti ai grillini), ma anche perché il partito di Zingaretti si pone la sfida di essere largo e plurale (Secondo me non è che devi esagerare/ Con la lotta al capitale/Ogni tanto ci puoi andare/Pure al centro commerciale/E lo so che è disgustoso/Disonesto e criminale/Ma d'estate si sta freschi e puoi sempre parcheggiare).



Giorgia Meloni. Ecco Fratelli d'Italia che non vede l'ora di tornare con Matteo Salvini al governo. E lunedì scatterà " Mezzogiorno di Jovanotti, tutta dedicata da Giorgia a Matteo: Siamo come il sole a mezzogiorno baby 
Senza più nessuna ombra intorno...baby.



Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia si gioca tutto. O molto. Per il suo partito sarà la prova del nove. E l'ex premier non vorrà sfigurare e dimostrare che per l'enessima volta c'è. Pronta per un'altra sfida:Io sono qui canta Claudio Baglioni: Ma sono vivo, e sono qui, e vengo dentro a prenderti, da solo disarmato innamorato, tu devi arrenderti, ci sono io e sono qui.



Poi ci sono le sfide di + Europa e Sinistra: entrambi i partiti puntano a superano la soglia del 4% per entrare nell'Europarlamentare. Per loro ci sarà Calcutta tra Che cosa mi manchi a fare (il posto a Strasburgo) e  Paracetamolo (se proprio andasse male male).



  Ultimo aggiornamento: 30 Maggio, 12:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma