Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morassut (Pd) dedica un sonetto a Calenda: «Co li capricci nun fai tanta strada»

Il deputato del Partito Democratico ha scelto un modo inusuale per commentare il leader di Azione

Elezioni politiche 2022, Roberto Morassut (PD) sfotte Cadenda e gli dedica un sonetto «Co li capricci nun fai tanta strada»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Agosto 2022, 18:34 - Ultimo aggiornamento: 23:13

Continuano le rese dei conti della politica sui social. In questo particolare periodo che ci avvicina sempre di più alle elezioni politche 2022, non sono più le piazze o i salotti televisivi a essere tetaro dei botta e risposta, tra le varie parti in causa, bensì Facebook e Twitter. Stavolta è toccato a Roberto Morassut, deputato PD e sottosegretario all'ambiente che, dopo la rottura dell'alleanza Azione - Parito Democratico, ha voluto dedicare a Carlo Calenda un sonetto ironico e piccato.

Calenda: ci ho provato ma Letta sapeva bene cosa sarebbe successo

Un sonetto per Calenda

Sembrava essere il nuovo fronte anti destra eppure l'alleanza pattuita tra il leder dei dem e quello di Azione è durata meno di quanto prospettato da altri, non senza conseguenze all'interno dell'area del centrosinistra. Morassut sulla sua pagina Facebook ha scelto quindi di "omaggiare" il leader di Azione in maniera poetica. «Aveva detto: tutti insieme annamo. Ma j‘è bastato un giro de orologgio Per rimangnasse er fojo e la matita» si legge nei primi versi, che non lasciano certo presagire un quadro lusinghiero che infatti non migliora più avanti: «Co li capricci nun fai tanta strada Quello che scrivi resta su la sabbi». Chissà cosa avrà pensato Calenda nel leggere questi versi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA