Attacco hacker alla Regione Lazio, cosa sappiamo finora. Ecco i possibili sviluppi

Giovedì 5 Agosto 2021, 14:34 - Ultimo aggiornamento: 6 Agosto, 00:43

L'attenzione sull'attacco hacker alla Regione Lazio è altissima perché è la prima volta che un ente pubblico si ritrova tutti i suoi dati (e quindi anche i dati personali dei cittadini) criptati, cioè illeggibili e non utilizzabili. Per ripristinarli e decifrarli serve una chiave che l'autore, o gli autori, dell'attacco ransomware possono fornire a fronte di un pagamento. In questa puntata del podcast cerchiamo di fare il punto su tutti gli elementi emersi finora. Chi può nascondersi dietro l'attacco? Perché avvengono questi attacchi? Come si può ricostruire un archivio dati che è stato violato? E in quanto tempo? Come si "chiudono le porte" di una rete informatica? Stefania Piras ne parla con Roberto Setola, direttore scientifico del master in Homeland Security all'Università Campus biomedico di Roma e Giorgio Saracino, giornalista esperto di cyber sicurezza, autore dell'inchiesta "Ladri di dati" che ha vinto il Premio Roberto Morrione 2020. 

Per leggere e approfondire

Ripristinato il servizio di prenotazione dei vaccini dopo l'attacco hacker

Attacco hacker: «Una password segreta memorizzata sul pc», così hanno bucato il Lazio

Hacker e ransomware, ecco le tecniche che minacciano Stati, società multinazionali e cittadini

© RIPRODUZIONE RISERVATA