Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pedala con gli amici, ciclista 55enne stroncato da malore

Pedala con gli amici, ciclista 50enne stroncato da malore
3 Minuti di Lettura
Domenica 27 Marzo 2022, 13:19 - Ultimo aggiornamento: 28 Marzo, 09:13

VAZZOLA - Un ciclista di 55 anni, Claudio Pagotto, di San Polo di Piave è morto questa mattina, 27 marzo, a  Vazzola, in via distrettuale: è stato stroncato da un malore mentre pedalava con altri tre ciclisti. E' intervenuto l'elicottero del Suem intervenuto unitamente alla pattuglia dei Carabinieri di Conegliano.

La vittima

Malore improvviso: cosa è successo

È stato colto da un malore fatale rientrando a casa dopo una mattinata in bicicletta, passata a pedalare sui colli coneglianesi. Claudio Pagotto - 55 anni, residente in via San Michele a San Polo di Piave, vicino al confine con Cimadolmo - era quasi a casa ormai, quando il malore l'ha colpito in via Distrettuale, sul rettilineo che da Vazzola porta a San Polo. Era con tre amici che subito hanno dato l'allarme. Sul posto sono giunti i soccorsi con l'elicottero del Suem 118, l'ambulanza ed un'auto medica, oltre ai carabinieri della compagnia di Conegliano. Nel mentre anche un compagno di escursione di Pagotto si è sentito poco bene, forse per lo choc nel vedere cosa stava accadendo all'amico. Tanto che anche lui ha necessitato di alcune cure mediche sul posto. Malgrado le ripetute manovre dei sanitari Claudio Pagotto non si è ripreso e non si è potuto far altro che constatarne il decesso.

Chi era Claudio Pagotto


Nativo di Cimadolmo, Claudio Pagotto era il penultimo di 8 figli, il papà si chiamava Ofelio. La bicicletta era la sua grande passione. Da giovanissimo aveva praticato il ciclismo, correndo con i colori della Rinascita Ormelle nelle categorie Allievi ed Esordienti. Con il passare degli anni aveva lasciato l’agonismo, continuando a praticare il ciclismo a livello amatoriale. Nel frattempo aveva lavorato per una decina d’anni alle Ceramiche Falsarella. Per poi passare alla Spinazzè Group spa, la storica azienda di San Michele dove si producono pali in cemento e acciaio per vigneti e frutteti.

Leggi anche---> Malore sul Piave, pescatore 50enne scivola in acqua e muore annegato

© RIPRODUZIONE RISERVATA