Vaccino, in Turchia parte la campagna tra gli operatori del turismo: sono considerati essenziali

Vaccino, in Turchia parte la campagna tra gli operatori del turismo: sono considerati essenziali
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Marzo 2021, 11:21

Tra i lavoratori essenziali in Turchia, ci sono gli addetti al turismo. Per questo parte oggi la campagna di vaccinazione anti Covid-19 per gli impiegati nel settore del turismo in Turchia. L’iniziativa rientra nel “Programma di Certificazione Safe Tourism” (lanciato nel giugno 2020) allo scopo di accogliere i viaggiatori internazionali in vista della prossima stagione turistica e per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori del turismo e della popolazione locale.

Con l'apertura della stagione turistica, il Ministero della Cultura e del Turismo ha fortemente voluto che i dipendenti del travel rientrassero nel programma di vaccinazione affinché i servizi turistici potessero restare aperti tutto l’anno. Il programma di vaccinazione pensato per loro sarà meticolosamente condotto in coordinamento con il Ministero della Salute e il Ministero del Lavoro. Nell'ambito del programma a vaccinarsi saranno i dipendenti di strutture ricettive, dipendenti di ristoranti, guide turistiche, agenti di viaggio che sono già registrati nel “Programma di Certificazione Safe Tourism”. In collaborazione con il Ministero della Cultura e del Turismo e il Ministero della Salute è stata recentemente lanciata una piattaforma dove le strutture turistiche possono registrare i propri dipendenti per la vaccinazione.

Sardegna zona bianca, modello Grecia: fioccano le prenotazioni e ora altre isole chiedono il bollino “Covid-free"

Grecia, la strategia Covid free: apertura agli immunizzati e priorità vaccino agli operatori del turismo

La piattaforma copre tutti i principali attori dell'industria del turismo all'interno del “Programma di Certificazione Safe Tourism”, comprese le strutture ricettive, i ristoranti, i veicoli utilizzati per i tour e i transfer e le guide turistiche. I rappresentanti ufficiali delle strutture turistiche potranno registrare i loro attuali dipendenti. Come parte del continuo sforzo per combattere il Covid-19 e rafforzare ulteriormente la posizione come una delle destinazioni più sicure del mondo, la Turchia continuerà ad investire nel “Programma di Certificazione Safe Tourism”, uno dei primi esempi di maggior successo in questo ambito. La Turchia è stato uno dei primi paesi a adottare un protocollo in cui hanno aderito obbligatoriamente tutti gli hotel con più di 30 camere.

Ad oggi sono più di 8000 le strutture alberghiere che hanno ottenuto la certificazione. Poiché il Paese si aspetta una ripresa importante dei flussi turistici, il comparto travel, con i suoi addetti, ha la priorità nella vaccinazione. La Turchia sta intraprendendo tutte le azioni per assicurarsi di rimanere una destinazione turistica sana e sicura nel 2021.

Covid, la Turchia apre ai turisti inglesi: «Questa estate non ci sarà bisogno del passaporto vaccinale»

© RIPRODUZIONE RISERVATA