COVID

Grecia, la strategia Covid free: apertura agli immunizzati e priorità vaccino agli operatori del turismo

Martedì 9 Marzo 2021
Grecia apre a turisti con vaccino, anticorpi o test

Le persone sottoposte a vaccino contro il Covid-19, con gli anticorpi o in possesso di un test negativo potranno viaggiare in Grecia quest'estate: lo ha detto il ministro del turismo Harry Theocharis, secondo quanto riferisce il Guardian. La Grecia punta a dare il via alla sua vitale stagione estiva entro la metà di maggio, ha detto Theocharis parlando alla fiera Itb di Berlino dal Museo dell'Acropoli di Atene. «La Grecia è pronta con un protocollo completo per l'estate 2021», ha detto. «I turisti saranno i benvenuti se prima del viaggio sono vaccinati, hanno anticorpi o sono negativi al test». Le autorità avrebbero dato poi priorità di vaccinazione delle persone che lavorano nel settore dell'ospitalità, subito dopo l'immunizzazione delle persone più vulnerabili.

Il turismo è una delle principali fonti di reddito per il Paese, capofila delle richieste per un certificato di vaccinazione a livello europeo per aiutare a sbloccare i viaggi. Il settore rappresenta circa un quinto dell'economia greca e impiega un lavoratore su cinque, ma lo scorso anno gli arrivi sono crollati a causa della pandemia. 

Enit porta l'Italia all'Itb di Berlino. «Così faremo ripartire il turismo»

La strategia della Grecia

Atene ha lanciato una campagna vaccinale a tappeto nei piccoli centri e in molte isole per salvare la stagione estiva e il turismo. Ed è proprio l’isola di Kastellorizo, in Grecia, ad esser stato il primo luogo in Europa ad essere totalmente Covid-free. Tutti gli abitanti dell’isola, a pochi chilometri dalle coste turche, hanno ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer. E così questo paradiso poco noto al turismo di massa, è diventato il luogo più sicuro. 

Turismo, Coldiretti: persi 26 miliardi a causa della pandemia

Intanto il premier greco Kyriakos Mitsotakis, intervenendo alla conferenza dei leader sul coordinamento Covid, ha messo in guardia sull’intervento del settore privato, ed in particolare delle grandi aziende della tecnologia nello sviluppo di “pass Covid” per tornare a viaggiare. «Se non lo facciamo come Ue, e se non lo facciamo al più presto, altri, come le Big tech lo faranno per noi», ha avvertito Mitsotakis. Il premier greco ha chiarito che il certificato vaccinale «non sarà l’equivalente di un passaporto della salute, ma aprirà un canale veloce senza le restrizioni», legate a test e quarantena. Inoltre si è detto a favore della registrazione del minor numero possibile di dati personali dei cittadini.

La strategia dunque resta quella di rendere le isole paradisi Covid-free in vista dell’estate. È bastato l’annuncio del premier britannico Boris Johnson su una ripresa dei viaggi all’estero a partire dal prossimo 17 maggio per far registrare il 630% di prenotazioni in più verso Grecia e Spagna. 

Ultimo aggiornamento: 17:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA