Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, dalla celebrazione in trincea alla festa nel bunker: 15.443 coppie di sono sposate dall’inizio del conflitto

Scatti simbolo, che raccontano la guerra da un'altra prospettiva: quella di chi riesce ancora a immaginare la pace

Ucraina, dalla funzione sul campo alla festa nel bunker: 15443 coppie di sono sposate dall inizio del conflitto
4 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Marzo 2022, 15:59 - Ultimo aggiornamento: 17:30

L'amore che sfida la guerra, la vita che va avanti oltre l'incertezza e la paura del conflitto. In Ucraina nell'ultimo mese sono state ben 15.443 le coppie hanno deciso di non rinunciare a scambiarsi la propria promessa d'amore nonostante l'invasione russa. Matrimoni celebrati nei bunker antiaerei durante i bombardamenti, negli ospedali, ai checkpoint spesso in divisa militare. Brevi momenti di felicità in mezzo all'orrore. Che testimoniano la volontà di andare avanti, la voglia di molti giovani di non rinunciare a immaginare il futuro, di continuare a credere in un domani di pace. 

Storie d'amore durante il conflitto

Tante sono le foto arrivate fino a noi, postate sui social e diventate subito virali. C'è la storia di Yaryna Arieva e Sviatoslav Fursin, lei 21 anni e lui 24, che si sono sposati il 24 febbraio nel primo giorno di invasione. Lo scatto dei due giovanissimi, in abiti civili ma già con i fucili in braccio è stata da subito il simbolo della normalità stravolta improvvisamente dallo scoppio del conflitto. “Forse possiamo morire, e volevamo solo stare insieme prima di tutto questo”, avevano scritto su instagram sotto la foto. Le nozze in realtà dovevano festeggiarsi il 6 maggio ma l'invasione russa ha cambiato i piani: la coppia si è sposata al monastero di San Michele di Kiev, mentre le sirene cominciavano a suonare in tutto il paese.

C'è poi la storia di Lesia Ivashchenko e Valerii Filimonov, due membri delle forze di difesa territoriale dell'Ucraina che dopo 20 anni di convivenza si sono scambiati il "Sì" lo scorso 6 marzo in mimetica ed elmetto in un posto di blocco vicino a Kiev: lei con un velo appuntato tra i capelli e un improvvisato bouquet in mano, lui accanto con indosso il giubbotto antiproiettile. A celebrare la funzione è stato il sindaco di Kiev Vitaliy Klychko, che ha postato il video con gli auguri agli sposi su Twitter.

 

E ancora ha commosso il web l'atto d'amore di un ragazzo che ha fermato la fidanzata a un checkpoint a Fastiv, vicino Kiev. Mentre lei si aspettava il controllo dei militari, tra questi è apparso il suo compagno che si è inginocchiato e le ha porto l'anello, mentre i suoi compagni riproducevano con il cellulare una colonna sonora. Non lontano, all'ospedale di Kiev, a scambiarsi la propria promessa d'amore sono stati due giovani medici, in un momento di pausa dal lavoro massacrante di questi giorni. Nel video diventato virale, si vedono i due ragazzi scambiarsi le fedi davanti a un medico più anziano e brindare circondati da colleghi e infermieri. 

Ha fatto il giro del mondo anche la foto scattata a Rivne, nel nord-ovest del Paese, dove due giovani posano in divisa insieme, lei con un mazzo di fiori in mano. Dietro di loro, il palazzo del comune dove si sono detti il sì, circondato da barricate  sacchi di sabbia di protezione. 

Tante storie d'amore, tutte diverse, ciascuna con alle spalle il suo percorso durato anni o forse anche solo mesi e in cui la guerra è arrivata all'improvviso, cambiando tutto in pochi attimi. Scatti simbolo, che raccontano la guerra da un'altra prospettiva: quella di chi riesce ancora a immaginare la pace, un progetto di vita, un futuro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA