Putin, declino storico in Russia: crolla il tasso di natalità e cresce l'emigrazione

Mosca potrebbe vedere meno di 1,2 milioni di nascite il prossimo anno, il dato più basso nella storia moderna

Il declino di Putin, crolla il tasso di natalità in Russia e cresce l'emigrazione con la guerra
3 Minuti di Lettura
Giovedì 20 Ottobre 2022, 18:54 - Ultimo aggiornamento: 20:27

Morte, fuga e dissidi interni. Il declino di Putin in Russia è iniziato. E comincia dalla crisi demografica. Se le operazioni militari dovessero continuare nei prossimi mesi, come previsto, Mosca potrebbe vedere meno di 1,2 milioni di nascite il prossimo anno, il dato più basso nella storia moderna secondo Igor Efremov, ricercatore e specialista in demografia presso l'Istituto Gaidar di Mosca. A cui si devono aggiungere le migliaia di vittime sul campo di battaglia, l'arruolamento di 300.000 riservisti per unirsi alla lotta e un boom di emigrazioni all'estero.

Ristoratore parigino manda via due clienti ucraine: «Viva Putin!». Il video choc. Tempesta di recensioni negative

Aumentano le vittime

I decessi totali in Russia si avvicinano in media a 2 milioni all'anno, anche se il numero è aumentato durante la pandemia e si è avvicinato a 2,5 milioni l'anno scorso. "Il colpo principale al tasso di natalità sarà indiretto, perché di conseguenza la maggior parte delle famiglie avrà il proprio orizzonte di pianificazione completamente distrutto", ha affermato Efremov. "E l'impatto sarà più forte quanto più durerà la mobilitazione".

 

L'economia stagnante

Una resa dei conti demografica è arrivata per la Russia, la sua economia affamata di giovani dipendenti è ora a rischio di stagnazione. Bloomberg Economics stima ora il tasso di crescita potenziale della Russia allo 0,5%, in calo di due punti percentuali rispetto a prima della guerra, con i dati demografici che rappresentano circa un quarto del downgrade.

Le politiche dello Zar per evitare il calo demografico

Per Putin, che ha appena compiuto 70 anni, la demografia russa è stata a lungo una questione esistenziale e proprio l'anno scorso ha dichiarato che "salvare il popolo russo è la nostra massima priorità nazionale". Ha presieduto gli sforzi per guadagnare tempo con politiche costose che hanno contribuito a un forte aumento della longevità e variavano dai pagamenti forfettari per le neo mamme allo sgravio del mutuo per le famiglie.

Ma mentre la Russia si avvicinava all'invasione dell'Ucraina a febbraio, stava arrivando il suo anno più mortale dalla seconda guerra mondiale - aggravato dalla pandemia - con la popolazione in declino dal 2018. "È probabile che in condizioni di incertezza, molte coppie rimandino di avere figli per qualche tempo fino a quando la situazione non si stabilizza", ha affermato Elena Churilova , ricercatrice presso l'International Laboratory for Population and Health della Higher School Economics. "Nel 2023, è probabile che assisteremo a un ulteriore calo del tasso di natalità".

© RIPRODUZIONE RISERVATA