Johnson-Dyson, la vendetta di Cummings: premier costretto a pubblicare sms, guru della Brexit lo attacca

Regno Unito, Cummings si prende la rivincita su Johnson nello scandalo che vede coinvolta la Dyson
3 Minuti di Lettura
Venerdì 23 Aprile 2021, 20:23 - Ultimo aggiornamento: 20:26

Dominic Cummings si defila dallo scandalo Johnson-Dyson e lo fa criticando l'attuale Primo Ministro. Il caso riguarda la soluzione promessa da Johnson al magnate degli aspirapolveri sir Dyson per evitare aggravi fiscali a carico dei suoi dipendenti se avesse garantito il trasferimento urgente nel Regno Unito di ventilatori per l'assistenza respiratoria ospedaliera, fondamentali per contrastare la prima ondata del Covid, prodotti da personale già delocalizzato a Singapore. I messaggi sono venuti fuori alzando un gran polverone sul Primo Ministro inglese.

Boris Johnson: «Svolta verde è crescita e occupazione, non si tratta di abbracciare conigli»

Cummings, messo alla porta di Downing Street nel novembre 2020, era stato tirato in ballo come la fonte del passaggio di alcuni testi delle conversazioni alla Bbc ma stasera ha smentito tutto sul suo blog con toni di polemica verso il suo ex capo. Cummings ha negato d'aver fatto girare quei messaggi, rinfacciando a Johnson di averlo fatto accusare. Ha poi aggiunto su BoJo: «è triste vedere il Primo Ministro e il suo ufficio cadere così al di sotto degli standard di competenza e integrità che il Paese merita».

Boris Johnson: «Che bello tornare al pub dopo mesi. Da maggio altre aperture»

La risposta di Johnson non si è fatta attendere: «Aver assicurato al Regno Unito di passare da 9.000 ventilatori a disposizione un anno fa a 22.000 è un merito» che ha parlato della sua iniziativa come un atto di buon senso e ha chiamato come testimone della difesa il laburista Tony Blair, che a suo dire avrebbe fatto lo stesso.

Covid, Gran Bretagna verso il ritorno alla normalità: si muore di più per gli incidenti stradali che per il virus

© RIPRODUZIONE RISERVATA