Mamma annega la figlia di 3 anni e dà fuoco al corpo: ma per i giudici non è colpevole di omicidio

Lunedì 17 Dicembre 2018
1
Ha annegato la figlia e poi ha dato fuoco al corpo: ma una madre di 38 anni per i giudici non è colpevole di omicidio. È successo in Gran Bretagna: Carly Ann Harris pensava di essere un angelo caduto e le ultime parole alla figlia sono state "Ci vediamo in Paradiso". 

La donna ha detto agli psichiatri di non sentirsi colpevole perchè convinta di aver fatto "la cosa giusta". I giudici hanno quindi deciso di ricoverarla in un ospedale senza limiti di tempo. A trovare il corpo della bimba, di tre anni, avvolto in un lenzuolo, è stato il fratello adolescente. I vicini sono accorsi sentendo le sue urla e hanno raccontato che la madre sembrava assente e ha detto: «Dio sarà con lei, gli angeli l'hanno accolta». «Arrestatemi pure, è tutto ok - ha detto alla polizia - gli angeli mi hanno detto di farlo». 

I giudici hanno sentenziato che la madre è affetta da una forma di schizofrenia e per questo non è stata giudicata colpevole di omicidio ma semplicemente trasferita in una clinica. 

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Portami al concerto trap». E la mamma prova a saltare

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma