Guerra nucleare, bunker di lusso con piscina e luce naturale: così i ricchi pensano di sfuggire alla catastrofe

La sopravvivenza dei più ricchi a una possibile "apocalisse" è diventata un business con decine di aziende che offrono condomini di lusso costruiti in vecchi silos missilistici della guerra fredda e bunker sotterranei con tutti i comfort

Bunker antiatomici di lusso, così i ricchi sfuggono alla catastrofe tra tecnologia e comfort
4 Minuti di Lettura
Domenica 25 Settembre 2022, 20:38 - Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 10:02

Sopravvivere a qualunque costo, alla guerra nucleare, al collasso ambientale del pianeta o a una pandemia inarrestabile. Sembra essere questa la preoccupazione che sta spingendo molti tra gli uomini più ricchi del pianeta a mettere mano al portafoglio acquistando per miliardi di dollari speciali bunker sotteranei anti-nucleari di lusso. Tanto che la sopravvivenza dei più ricchi è diventata un business molto redditizio e sono nate decinte di aziende specializzate nella costruzione di "rifugi sicuri" per resistere alla fine del mondo mantenendo tutti i comfort di una vita a cinque stelle. Parola di Douglas Rushkoff, professore della City University di New York, che nel suo ultimo libro "la sopravvivenza dei più ricchi"  afferma di essere stato invitato a un evento top secret in un resort di lusso, dedicato proprio alla sopravvivenza in caso di calamità naturali estreme. Al summit erano presenti, afferma il professore, alcuni tra gli uomini più ricchi del pianeta. 

Ucraina, si torna a scuola: corsa a costruire bunker e rifugi antiaerei per gli studenti

"The Event" 

Secondo l'autore molti miliardari, soprattutto proprietari e grandi manager delle Big Tech, si starebbero preparando a sopravvivere nel caso che si verificasse quello che chiamano "The Event". Il termine viene usato per indicare la fine del mondo come lo conosciamo. Le cause possono essere molteplici: una guerra nucleare, il collasso ambientale, i disordini sociali, il diffondersi di una pandemia inarrestabile o un attacco cyber in grado di mettere fuoriuso tutti i pc del pianeta. 

 

Bunker di lusso con luce naturale per non cadere in depressione 

Nella ricerca Rushkoff cita le diverse aziende che si sono gettate a capofitto nella produzione di bunker antiatomici per ricchissimi che vogliono sfuggire all'apocalisse. Ad esempio c'è la Rising Company in Texas, che inizialmente costruiva bunker per le famiglie che cercavano rifugio dai tornado (a partire da 40mila dollari) ma ora è entrata in quello che l'autore definisce il "business dell'Apocalisse" e propone ai suoi clienti selezionati bunker di lusso (con tanto di piscina e pista da bowling) dal nome altisonante "Aristocrat". Il prezzo? Parte da 8,3 milioni di euro.  

Una società chiamata Vivos invece si è specializzata nella vendita di appartamenti sotterranei di lusso in depositi di munizioni della guerra fredda convertiti, silos missilistici e altri luoghi fortificati in tutto il mondo. Gli appartamenti sono inseriti in complessi di lusso, con suite private per singoli e famiglie e aree comuni con ristoranti, giochi e cinema. C'è poi l'azienda Oppidum in Repubblica Ceca che presta particolare attenzione alla salute mentale degli ospiti, offrendo servizi come l'imitazione della luce naturale, una piscina con un giardino simulato illuminato dal sole e altri servizi. 

Guerra nucleare, cosa fare in caso esplosione atomica? Dal fallout allo iodio, tre cose da sapere (e da fare)

Roma, «palazzo dotato di rifugio antiaereo». L'annuncio della casa in vendita diventa un caso

È davvero possibile salvarsi? 

Nonostante i miliardi investiti nel settore è difficile dimostrare scientificamente che la vita nel bunker durerebbe a lungo. I sistemi chiusi, spiega ancora l'autore sono sistemi fragili. Soprattutto se il "mondo esterno" fosse diventato ormai completamente inabitabile (ad esempio a causa delle radiazioni nucleari). I giardini idroponici, con sensori di umidità e sistemi di irrigazione computerizzati vengono utilizzati comunemente nelle aziende, ma nel caso in cui "qualcosa va storto" e alcune piante muoiono, queste possono essere facilmente sostituite. Nei giardini sigillati dei bunker antiatomici questo non potrebbe avvenire. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA