Germania, dramma ospedali: «Pronti a trasferire i pazienti all'estero (anche in Italia)». Verso lockdown per non vaccinati e obbligo vaccinale

La situazione «è altamente drammatica». Il prossimo vice-cancelliere della Germania Robert Habeck, chiede misure restrittive più severe

Germania, dramma ospedali: «Pronti a trasferire i pazienti all'estero (anche in Italia)». Scholz chiede l'obbligo vaccinale
4 Minuti di Lettura
Martedì 30 Novembre 2021, 15:53 - Ultimo aggiornamento: 19:47

Sempre più tragica la situazione in Germania. I numeri che arrivano delle ultime ore spaventano sempre più: il Paese ha registrato altri 45.753 nuovi casi Covid e 388 morti nelle ultime 24 ore. La situazione delle terapie intensive «è altamente drammatica». Lo ha detto il ministro della salute del Baden-Wuerttemberg, annunciando che il Land si prepara a inviare pazienti anche all'estero e ha già ricevuto disponibilità dall'Italia (Lombardia), Francia e Svizzera. «Ci prepariamo a trasferire i pazienti all'estero, nel caso fosse necessario» ha detti Manne Lucha: il carico degli ospedali è immenso «e le persone non ce la fanno più». Da giorni diversi lander tedeschi stanno traferendo i pazienti per il forte carico delle rianimazioni. La Baviera nei giorni scorsi ha inviato in Italia due pazienti, a Bolzano e Merano. 

Variante Omicron, italiani bloccati in Marocco: «Scene di disperazione in aeroporto, aiutateci»

Quarta ondata, Sebastiani (Cnr): «Crescono i contagi nelle province e in particolare nel Nord Est»

 

Verso lockdown per non vaccinati

La Germania si prepara a discutere in Parlamento l'obbligo vaccinale generalizzato per il Covid e va verso una sorta di lockdown per non vaccinati. È quel che si evince dal comunicato del portavoce della Merkel, Steffen Seibert. «Si valutano diverse proposte - si legge, in vista del vertice di giovedì - come l'introduzione di una limitazione dei contatti più ampi soprattutto per non vaccinati, anche negli incontri privati, l'ampliamento del 2G anche nel commercio al dettaglio e le limitazioni per i grandi eventi. Inoltre si preparerà una decisione su un obbligo vaccinale generalizzato, oltre a quello indirizzato alle categorie».

Covid in Germania, i dati

Il prossimo vice-cancelliere della Germania Robert Habeck, chiede misure restrittive più severe contro il Covid. «Quello che deve succedere è assolutamente chiaro: vanno ridotti i contatti», escludendo i negozi al dettaglio, ha detto Habeck sul canale ZDF. «Dovremo passare l'inverno con nuove misure uniformi», ha aggiunto, ricordando che gli stati federali hanno già «una serie di opzioni sul tavolo» per rispondere all'emergenza, ad esempio per le partite di calcio o per l'annullamento dei mercatini di Natale. «Si chiama, va detto ad alta voce, contenimento per i non vaccinati», ha chiarito. 

Omicron, 33 casi in Europa: «Asintomatici o non gravi» in 8 Paesi. GB, terza dose per tutti a distanza di 3 mesi

 

Verso l'obbligo del vaccino

E nella consultazione con Angela Merkel tra Stato e Regioni che si sono incontrati per discutere su come rispondere alla crisi, specialmente in relazione alla nuova variante Omicron, ha preso la parola il cancelliere tedesco in pectore Olaf Scholz esprimendosi a favore dell'obbligo generale per il vaccino anti Covid. «È importante stabilire un obbligo generalizzato alla vaccinazione», ha affermato secondo quanto riportano alcuni media tedeschi, fra cui Spiegel. 

Lombardia pronta ad accogliere i pazienti

Al momento non ancora state avanzate richieste ufficiali da parte della Germania o dei Laender tedeschi, ma la Lombardia conferma la disponibilità ad accogliere i loro pazienti malati di Covid. Lo si apprende da fonti dell'Assessorato al Welfare. Già nei giorni scorsi la vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti aveva chiesto alla sua Direzione generale di attivarsi in tal senso. «Gli ospedali tedeschi - aveva dichiarato Moratti - sono alle prese con una drammatica emergenza di posti letto ospedalieri, con le terapie intensive prossime al collasso. Memore dell'aiuto solidale fornito all'Italia lo scorso anno, ritengo opportuno e doveroso offrire oggi alla Germania la disponibilità ad accogliere pazienti presso le nostre strutture ospedaliere, mettendo a disposizione ricoveri in area medica e in terapia intensiva»

© RIPRODUZIONE RISERVATA