Ucraina, donna sepolta viva sopravvive dopo essere stata torturata

L'hanno picchiata con una mazza da baseball e l'hanno torturata fino a farla svenire

Donna ucraina "resuscita", Nina si rialza dalla tomba dopo essere stata torturata e sepolta viva
2 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 17:35 - Ultimo aggiornamento: 19:09

La picchiano, la torturano e poi la seppelliscono credendola morta. Ma una donna ucraina sopravvive e si rialza. Nina Rudchenko, di 59 anni, è stata attaccata a Poltava (non distante da Kharkiv) da alcuni vicini (due fratelli) ubriachi.

Ucraina, continua la controffensiva: all'ingresso di Lyman issata la bandiera di Kiev

Donna ucraina "resuscita", l'aggressione e il video

Gli uomini, di 27 e 30 anni, hanno fatto irruzione nella casa di Nina Rudchenko, l'hanno picchiata con una mazza da baseball e l'hanno torturata fino a farla svenire. Poi l'hanno trascinata al cimitero, le hanno versato dell'acqua sul viso per svegliarla, le hanno fatto scavare una fossa e le hanno detto di sdraiarsi dentro.

Come si è salvata

«Stavano ridendo e parlando di come avrebbero ucciso la mia famiglia. Quando hanno finito, hanno chiesto se fossi morta e se ne sono andati», ha detto Nina. Si è salvata perché la tomba era estremamente poco profonda, così è riuscita a uscire e strisciare verso la casa dove ha perso conoscenza. La mattina dopo sua sorella Ludmila Gura l'ha trovata a terra. «Sangue e lividi erano su tutto il viso. Era nero e gonfio, non la riconoscevo quasi», ricorda Ludmila. La vittima è stata immediatamente trasferita in ospedale e, secondo i risultati del chirurgo Oleksandr Klimchuk, aveva una commozione cerebrale, fratture della mascella e del naso, mentre tutto il suo corpo era contuso.

Perché l'hanno aggredita

I sospettati per tentato omicidio sono stati arrestati ed è stata avviata un'indagine. All'udienza, hanno parlato di come fossero sotto l'effetto dell'alcol. Presumibilmente, tutto è iniziato a causa di un cane. I vicini affermano che Nina ha preso il loro cane, ma negano di averla torturata, cosa che gli altri residenti della zona non credono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA