Covid, vaccini record in Germania. E la Francia pensa alle riaperture

Covid, record somministrazioni di vaccini in Germania e la Francia pensa alle riaperture
4 Minuti di Lettura

Ieri in Germania sono state somministrate con 1.088.952 dosi di vaccino anti Covid. Il paese è impegnato a contrastrare la diffusione del virus che ha raggiunto il suo picco lo scorso 15 aprile con 31mila nuovi casi giornalieri. Oggi la situazione è in lieve miglioramento con 25mila nuovi contagi registrati ieri ma i numeri restano ugualmente proibitivi. Stando ai dati del Robert Koch Institut, è stato vaccinato finora con la prima dose il 25,9% della popolazione e il 7,5% con la seconda. Sull'alto numero di vaccinati in 24 ore si è espresso il ministro della salute federale Jens Spahn: «Per la prima volta abbiamo vaccinato oltre l'uno per cento della popolazione in un solo giorno» ha detto Spahn «Questo dimostra che stiamo riprendendo terreno».

Covid-19, in Abruzzo rialzo dei casi ma diminuiscono incidenza e ricoveri

Spahn ha parlato anche della campagna vaccinale tedesca, lasciando intendere che si punta all'immunità di gregge per la tarda estate: «Faremo molti vaccini a giugno, ma non così tanto da essere in grado di vaccinare tutti di età superiore ai 12 anni a giugno. Lo prometto per le vacanze estive, ma non ancora per giugno».

Amplifon supera livelli pre-Covid: utile trimestre lievita a 25 milioni

Secondo il Robert Koch Institute (RKI), la terza ondata è stata sotto controllo, ma al momento è troppo presto per allentare le restrizioni poichè preoccupa la crescita dei contagiati sia sotto i 60 anni che minorenni. Wieler ha avvertito che le conseguenze a lungo termine, che esistono anche nei bambini, non dovrebbero essere perse di vista nella valutazione del rischio. Il presidente del RKI invita alla prudenza e ribadisce: «Dobbiamo continuare a fare tutto il possibile per ridurre il numero di casi» sottolineando l'importanza di proteggere la popolazione non vaccinata tramite misure di controllo e tenendo un ritmo costante nella campagna vaccinale.

Francia: nonostante numeri si pensa a progressive riaperture

In Francia ieri si sono raggiunti altri 30.317 casi di coronavirus e 347 morti per la malattia. Nei reparti di terapia intensiva, invece, i convalescenti sono 5.943, di cui 484 ricoverati questo martedì. Campagna vaccinale che ha visto 14,5 milioni di persone ricevere  una dose del vaccino e 5,8 milioni avere entrambe. Con i contagi attuali la Francia è stata inserita, quasi per intero, nelle regioni rossoscure dell'Europa per rischio. Nonostante ciò si comincia a ragionare su possibili riaperture: «Riapriremo in modo graduale, lo faremo in modo molto lento per impedire al virus di diffondersi di nuovo» ha detto Macron, durante una visita a Melun, prevedendo per il mese prossimo un miglioramento.

Russia, record contagi a Mosca e 9000 casi nel resto del paese

Allarmante la situazione contagi in Russia in particolare nella capitale dove nelle ultime 24 ore sono stati accertati 3.215 nuovi casi, il numero più alto a Mosca dal 21 gennaio scorso. Nel resto del paese le autorità russe hanno confermato 9mila contagi in un giorno.

Giovedì 29 Aprile 2021, 16:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA