Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, chiudono gli strip club di Las Vegas: gli spettacoli si spostano su Instagram

Coronavirus, chiudono gli strip club di Las Vegas: gli spettacoli si spostano su Instagram
di Michela Allegri
4 Minuti di Lettura
Martedì 21 Aprile 2020, 14:41 - Ultimo aggiornamento: 15:03

Le luci degli strip club di Las Vegas si spengono, i locali chiudono per l'emergenza Coronavirus. But the show must go on: gli spettacoli proseguono e le spogliarelliste si improvvisano imprenditrici digitali. Dirette Instagram e Facebook, videochat, pagine a pagamento, offerte libere. Spettacoli online che sono diventati une vera e propria moda, lanciata da personalità dello sport, dello spettacolo e, soprattutto, dei social, che hanno iniziato a ospitare ballerine professioniste durante le loro dirette con milioni di followers. Nelle ultime settimane, da quando è iniziato il lockdown negli Stati Uniti, Justin LaBoy, 28 anni, giocatore di basket professionista e influencer, e Justin Dior Combs, imprenditore, star dei social e figlio del rapper P. Diddy, hanno lanciato questa nuova tendenza: pop-up strip club virtuali, presentati durante i loro Instagram live. Una ballerina ha raccontato al New York Times che se non fosse stato per questa trovata non sarebbe stata in grado di pagarsi l'affitto e sarebbe finita sul lastrico, perché a causa del lockdown è rimasta momentaneamente senza stipendio, come migliaia di baristi, cuochi. camerieri, hostess: «Se non fosse stato per Justin e per i suoi Lives non so cosa avrei fatto, come avrei pagato le bollette e come avrei fatto la spesa», ha detto.

La mascherina fa tendenza per l'estate: i modelli firmati tra i must have

Ricrescita, pigiama e maschera per il viso: le vip in quarantena "al naturale"

L'idea di Justin LaBoy e Justin Dior Combs è stata copiata da moti locali: nel giro di poco tempo decine di strip club negli Stati Uniti hanno iniziato a organizzare spettacoli digitali. Uno dei più famosi è Magic City, noto locale di Atlanta, che ha iniziato a offrire ai clienti “lap dance virtuali” accessibili tramite le Instagram stories. E anche il rapper Tory Lanez ha iniziato a ospitare nelle sue dirette alcune ballerine professioniste, per intrattenere i suoi 7,5 milioni di followers, in una trasmissione che ha chiamato “Quarantine Radio”. Gli eventi digitali più seguiti, però, restano quelli di LaBoy e Combs, dove vengono intervistati in diretta anche nomi notissimi del mondo dello spettacolo. Tantissime ballerine chiedono quotidianamente di partecipare allo spettacolo, chiamato “The Respectfully Justin Show”. Anche perché si tratta a tutti gli effetti di un lavoro: vengono pagate dai “clienti” con offerte tramite un'app alla quale indirizzare bonifici. Alcune ore prima dello show, LaBoy inizia a pubblicizzarlo virtualmente, lanciando l'hashtag #respectfully.

Visto che Instagram proibisce i contenuti espliciti, viene creata una nuova pagina per ogni evento, e terminata la serata viene cancellata. Il nome, che resta segreto fino a terdi, viene annunciato su Twitter, insieme all'orario dello show. E le adesioni sono tantissime: si parla di 30mila follower che si aggiungono di ora in ora. I partecipanti iniziano a postare loro fotografie con in mano un bicchiere di vino rosso – che è il simbolo dello show – poi alla diretta vengono aggiunte le ballerine e in testa alla pagina vengono pubblicate le coordinate per effettuare i pagamenti. Alcune strippers hanno raccontato al NYT di essere riuscite a guadagnare circa 20mila dollari dall'inizio della quarantena, partecipando a Instagram Lives di circa cinque minuti l'uno. Le ballerine possono anche scegliere di mantenere l'anonimato, indossando maschere e non mostrando la propria faccia.
«Abbiamo tutte dei problemi, è il motivo per il quale facciamo questo. Quindi abbiamo deciso di mantenere privata la nostra identità, cercando nel frattempo di fare soldi», ha dichiarato una delle stripper, Sasha. Il successo del Respectfully Justin Show ha dato origine a decine di imitazioni. E il rischio è che in tanti si approfittino di donne in difficoltà: alcuni users, fingendo di essere LaBoy o Combs, favoriscono la prostituzione. Per risolvere questo problema, gli eventi sono diventati privati e LaBoy ha smesso di pubblicare su Twitter il nome delle pagine Instagram che ospiteranno lo show.

© RIPRODUZIONE RISERVATA