Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cina contro Stati Uniti: «Ossessionati da forza ed egemonia, stop a logica da Guerra Fredda»

Il portavoce del ministero degli Esteri, Zhao Lijian, duro contro Washington

Cina contro Stati Uniti: «Ossessionati da forza ed egemonia, stop a logica da Guerra Fredda»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Maggio 2022, 19:26 - Ultimo aggiornamento: 7 Maggio, 09:38

Cina contro Stati Uniti. Ad accendere la miccia le valutazioni del segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, in un'audizione al Congresso, secondo cui Pechino, quale «costante minaccia», è la priorità degli Usa nel lavoro di contrasto.

Generali russi uccisi in Ucraina, Nyt: «Gli Usa hanno aiutato Kiev». Ma la Casa Bianca nega: «No, è irresponsabile»

 

Cina contro Stati Uniti: «Ossessionati da forza ed egemonia»

«Essere ossessionati dal potere della forza e abbandonarsi alla legge della giungla non renderà gli Stati Uniti più forti e più sicuri», ha replicato il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian. Washington, ha aggiunto Zhao nel briefing quotidiano, dovrebbe «abbandonare la mentalità da Guerra Fredda e l'ossessione egemonica, guardando alle forze armate cinesi in maniera obiettiva e razionale, evitando di alimentare la teoria della minaccia cinese e di trovare scuse per aumentare le spese militari».

«Mosca e Kiev apprezzano la nostra posizione»

La posizione della Cina sulla questione ucraina «è coerente e chiara» e dalle interviste diffuse il 30 aprile ai ministri degli Esteri russo e ucraino, Serghei Lavrov e Dmytro Kuleba, dell'agenzia di stampa Xinhua è emerso che sia Mosca sia Kiev «apprezzano la posizione giusta e obiettiva della Cina».

La Cina, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri, «continuerà a svolgere un ruolo costruttivo. Ci auguriamo di vedere una fine anticipata del conflitto e ci auguriamo anche che le parti interessate seguano l'esempio della Cina, smettano di aggiungere benzina sul fuoco». Le parti in conflitto, ha aggiunto Zhao in merito a una domanda sulle ultime iniziative messe in campo da Pechino per la composizione del conflitto, «dovrebbero sedersi e risolvere i problemi attraverso il dialogo e la negoziazione».

La Cina, ha concluso il portavoce, ha elaborato la sua posizione «sulla questione ucraina in molte occasioni e riteniamo che la sovranità e l'integrità territoriale di tutti i Paesi debbano essere rispettate e che le ragionevoli preoccupazioni di tutte le parti in materia di sicurezza debbano essere rispettate e affrontate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA