Dritti, patchwork e con il risvolto: tutti i jeans che indosseremo il prossimo anno

Lunedì 17 Settembre 2018 di Laura Bolasco
1

Jeans: centoquarantacinque anni appena compiuti e ancora sulla cresta dell’onda. Dell’indumento più famoso e indossato del mondo sappiamo che ogni cinque secondi ne viene acquistato un paio in qualche angolo dell’universo e, senza troppi calcoli, possiamo affermare sia in assoluto il capo a cui nessuno di noi sembra poter rinunciare, senza tendenze e mode che tengano.
Dopo una, forse, breve pausa stagionale, il denim torna ad essere protagonista delle nostre giornate ma, come ogni autunno che si rispetti, non mancano novità e versioni inedite a cui affezionarci e restare legati tutto il prossimo inverno.
 

 

Va bene: il fondo ampio, corto e sfilacciato ha dominato le nostre mise fino a estate inoltrata rivelandosi il perfetto match per mules e sandali di ogni tipo. E’ arrivato però il momento di coprire la caviglia (o coprirla appena) con un bel paio di jeans dal taglio dritto. Scuri come quelli di Pepe Jeans o chiari come quelli di H&M, il modello cosiddetto “a sigaretta” torna alla ribalta per diventare il passepartout non solo di pomeriggi di day off ma, con l’ausilio di un blazer a quadri, anche di lunghe ma eleganti, mattinate in ufficio.

Victoria Beckham li sta già esibendo in giro per Londra e Sarah Jessica Parker non ha mai smesso di indossarli per le strade di New York: i jeans dal risvolto maxi saranno il modello per il 2019. Da scegliere rigorosamente nel lavaggio blu medio (con l’interno più chiaro a contrasto) come quelli firmati Wharehouse e Hudson, doneranno quel certo tocco glamour anche agli outfit più basici.

E se il contrasto è il vostro debole, solo un denim versione patchwork potrebbe consolarvi dal dover coprire l’ultima abbronzatura. Toppe, colori, ricami e, perché no, tagli, come nel caso del modello distressed firmato 7 For All Mankind: per un look casual ma super trendy, da sfoggiare con autoironia e un po’ di sfrontatezza.
 

Ultimo aggiornamento: 12:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"La signora che non può mangiare la ricotta perché..."

di Pietro Piovani