ROMA

Il dolce ti fa bella, a Roma i trattamenti must sono a base di pasta di zucchero, miele e maschere alla frutta

Lunedì 13 Luglio 2020 di Gustavo Marco Cipolla
credits_web/Pinterest

Dolci coccole per prendersi cura di sé. Carezze delicate sulla pelle per rigenerare il corpo e lo spirito attraverso trattamenti estetici e massaggi viso, concedendosi piacevoli momenti di relax. Da soli o in compagnia. Perché non è più vero che “chi bello vuole apparire un po’ deve patire”. E a Roma la tendenza in voga è quella del wellness senza dolore, puntando su esperienze benessere che non fanno male e purificando la cute con golosi scrub al miele e l’utilizzo di cioccolato fondente, rigorosamente caldo. Fino alla pasta di zucchero, quella utilizzata nella realizzazione di squisite cake decorate in stile anglosassone, per l’epilazione di gambe, inguine, braccia e labbra. Un trend che diventa così un’alternativa alla fastidiosa ceretta e al laser. Dal quartiere africano, dove i centri di bellezza pullulano e dopo l'emergenza pandemica si sono adeguati alle disposizioni sanitarie, alla Salaria, passando da Ponte Milvio, rinomato ritrovo della mondanità romana. Qui, tra locali cool e il rito dell’aperitivo, le destinazioni body charme e sweety sono infinite.

Ellie Goldstein è la prima modella Gucci con la sindrome di Down

E la metodologia “sugaring” di tradizione orientale, come quella del famoso filo arabo, non manca di certo in altre zone della Capitale fra cui Marconi, via Aurelia e Collina Fleming, senza dimenticare i templi luxury per la remise en forme dallo stress che sorgono nel cuore del centro storico. Gli ingredienti sono tutti naturali. Ci si sdraia comodamente sul lettino e l’estetista spennellerà sulla parte da trattare lo zucchero, fino a creare una sottile pellicola che profuma di vaniglia. Un dessert beauty che lascia una singolare sensazione olfattiva e che i partner più esigenti, una volta rientrati a casa, sapranno sicuramente apprezzare. Poi la frutta fresca, dalle fragole ai kiwi, le proprietà benefiche della banana, della mela, ma anche dei cetrioli che, come una colorata macedonia intorno agli occhi, rinfrescano il volto segnato dalla stanchezza, dalle fatiche lavorative o dal tempo che passa.
 

 

Tanti i consigli cosmetici pratici che si possono ripetere pure in beata solitudine tra le mura domestiche. I giovamenti? Nessun trauma o irritazioni, considerando che la pasta di zucchero è elastica come una gomma, ossigenazione cutanea costante e sollievo dalla ricrescita pilifera senza sporcare. In estate ci si può anche esporre al sole subito dopo, evitando il rischio di ustioni, utilizzando però una crema protettiva. «Si sente spesso parlare di associazione tra ingredienti usati in cucina o in pasticceria e pratiche volte alla bellezza. Sono convinto che la cura della pelle passi anche attraverso quello che mangiamo e, di conseguenza, ritengo che ricorrere ad alcuni alimenti dall’esterno possa essere un’arma vincente.», spiega il chirurgo ed esperto Erminio Mastroluca, che sottolinea «La dermocosmesi ha da sempre guardato alla natura con occhi curiosi e al contempo ammirati di fronte ai benefici che si possono ottenere dai prodotti della terra».

Ultimo aggiornamento: 13:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA