Doppia preferenza alle regionali in Puglia, Bonetti: «Passo irreversebile per i diritti delle donne»

Martedì 4 Agosto 2020
Doppia preferenza alle regionali in Puglia, Bonetti: «Passo fondamentale per i diritti delle donne»

«Un piccolo passo nella storia della tutela delle pari opportunità del Paese, irreversibile». La ministra delle Pari opportunità e della famiglia  Elena Bonetti è intervenuta in aula alla Camera durante l'esame del provvedimento sulla parità di genere nelle liste elettorale delle prossime elezioni regionali in Puglia. «Avremmo preferito un percorso diverso, è stato grave che non ci sia stato un adeguamento da parte del Consiglio regionale della Puglia - ha spiegato la ministra della Famiglia - Ma oggi non è questo in discussione, siamo qui per affermare la nostra responsabilità perchè il principio costituzionale delle pari opportunità non sia enunciato in modo astratto, un rischio che la politica corre». «Per tanto tempo abbiamo pensato a diritti contrapposti, quelli delle donne e degli uomini, oggi ricomponiamo quei diritti nel senso della unità che la nostra Costituzione ci consegna».

La commissione

Il decreto, approvato ieri - con la sola astensione del centrodestra - dalla Commissione Affari costituzionali dopo la Camera verrà discusso in Senato. «È un primo traguardo importante - ha affermato il relatore Marco Di Maio, capogruppo di Italia Viva in Commissione Affari costituzionali alla Camera - per completare un'operazione che è prima di tutto di civiltà e rappresentanza democratica. Imporre la doppia preferenza nelle elezioni regionali significa dare una opportunità in più agli elettori e un'occasione in più alle donne per farsi sentire». «Avremmo preferito non ci fosse bisogno di questo intervento del Governo e del parlamento, ma la ministra Elena Bonetti e il presidente Conte non potevano fare diversamente dopo anche la diffida inviata alla Regione Puglia è caduta come lettera morta. Con un inspiegabile immobilismo delle istituzioni pugliesi»

Dunque anche in Puglia, a settembre, si voterà per la prima volta con la doppia preferenza di genere ma le polemiche continuano dopo che ieri la prefetta di Bari, Antonella Bellomo, nominata dal governo commissaria straordinaria per la modifica delle legge elettorale pugliese, ha firmato il decreto. 

«Doppia preferenza di genere entro il 28 luglio», il governo diffida la Regione Puglia

Anche la Liguria verso la doppia preferenza di genere in vista delle regionali

Doppia preferenza di genere, 6 regioni inadempienti. Ultimatum di Boccia: «Se non si adeguano, interverremo»

© RIPRODUZIONE RISERVATA