Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Viagra nell'energy drink, bevanda ritirata: un consumatore ha rischiato di morire

Viagra nell'energy drink, bevanda ritirata: un consumatore ha rischiato di morire
di Alessia Strinati
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Marzo 2019, 17:13 - Ultimo aggiornamento: 17:42

Bevanda energetica ritirata dal mercato. La Natural Power Sx, una bevanda energetica imbottigliata in Zambia e venduta in diversi stati africani, è stata tolta dal mercato per gli effetti collaterali che causava. Nella bevanda sarebbero state presenti tracce di Viagra, così alcune persone che l'hanno assunta hanno avuto forti palpitazioni ed erezioni prolungate.

Sesso e giovani? In tv meglio evitare: quel tabù mai superato
Finti farmacisti importavano e vendevano Viagra sul web, scatta la denuncia



Un consumatore abituale della bevanda ha rischiato di morire: con palpitazioni prolungate e un'erezione di oltre sei ore si è rivolto a un medico che ha subito individuato la causa del malessere nella bevanda. L'uomo ha sporto denuncia contro l'azienda produttrice e sono scattate le analisi sul prodotto che hanno evidenziato al suo interno la presenza di sildenafil, molecola commercializzata nel 1998 con il nome di Viagra. Il Viagra però è un medicinale che va preso sotto stretta somministrazione medica, in caso contrario può avere effetti devastanti, come nel caso del povero consumatore.

La bevanda è stata ritirata dal mercato, ma c'è chi parla di un complotto e sostiene che in realtà gli ingredienti presenti nella bibita siano tutti a base naturale. A difendere la fabbrica sono i lavoratori che sono stati licenziati a causa del fallimento dell'azienda che hanno avviato numerose proteste e pensato a un complotto internazionale. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA