Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, Burioni: «Dai farmaci arrivano buone notizie, sembra siano efficaci»

Coronavirus, Burioni: «Buone notizie dai farmaci, sembra siano efficaci»
2 Minuti di Lettura
Domenica 29 Marzo 2020, 21:53 - Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 22:21

Coronavirus, Burioni: «Buone notizie dai farmaci, sembra siano efficaci». «Buone notizie stanno arrivando anche dal campo dei farmaci. C'è un farmaco che viene utilizzato come antiinfiammatorio in malattie come l'artite e che sembra essere efficace e i dati sono abbastanza promettenti. C'è poi una sopresa strana di un farmaco degli anni Cinquanta e che si usava per la malaria, che si chiama Plaquenil, che fu valutato nel 2005 come molto efficace per inibire la replicazione del coronavirus della Sars. La cosa passò nel dimenticatoio. Ora si è provato a usarlo clinicamente e a sperimentarlo. Ci sono diversi studi in atto, lo abbiamo fatto anche noi al San Raffaele». Lo ha detto il virologo Roberto Burioni ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa.

Coronavirus, bimba 9 mesi positiva ricoverata al Meyer di Firenze. Contagiata anche la madre

Coronavirus, Fabrizio Corona, festa di compleanno con amici in casa: rivolta social

 




Inoltre, ha continuato Burioni, «sembra sia stato fatto un passo avanti nella diagnostica. Un'azienda statunitense serissima ha annunciato di avere a disposizione un test che viene fatto in 15 minuti. Un'altra notizia molto buona è legata» ad uno studio relativo «all'utilizzo del plasma dei guariti che può migliorare le condizioni di chi sta male».



Il virologo ha spiegato che «prendere il sangue dai guariti non è semplice, ma significa che gli anticorpi dei guariti possono avere un effetto benefico: gli anticorpi monoclonali si possono produrre artificialmente e se il dato è confermato tra un anno e qualcosa avremo anticorpi monoclonali da somministrare. Inoltre, se il plasma ha effetto benefico e il dato è confermato, chi ha gli anticorpi avrebbe un certo grado di protezione».

 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA