Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Grida strazianti nella notte, imprenditore picchia la moglie: intervengono i carabinieri

Grida strazianti nella notte, imprenditore picchia la moglie: intervengono i carabinieri
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 12:05


Notte movimentata per i residenti del centro di Aprilia, svegliati dalle sirene delle auto dei carabinieri arrivati per porre fine alla lite furiosa tra un imprenditore 50enne e la moglie. Si tratta di un intervento su richiesta della stessa donna, stanca delle vessazioni subite dal coniuge.

Un copione che si ripeteva ogni qual volta il marito era su di giri e che aveva costretto già in passato i militari della stazione di Aprilia a intervenire per evitare che gli screzi tra marito e moglie degenerassero. Come avvenuto anche ieri notte: il blitz c'è stato intorno alle 2 in una traversa di via dei Lauri, dove i vicini erano stati svegliati dalle urla della donna. «Aiuto, aiuto», gridava a squarciagola. Richieste che i condomini erano abituati a sentire, ma mai in maniera così straziante. Stavolta si temeva il peggio.

Qualcuno ha chiamato i carabinieri, che erano stati già avvertiti dalla donna, spaventata dalla reazione di quell'uomo che aveva in casa e che era fuori di sé. Qualche anziano del palazzo si è sentito male, temendo che la furia dell'imprenditore potesse abbattersi anche sul vicinato. Una notte movimentata, insomma, e di paura terminata con l'arrivo dei militari nell'appartamento dei due coniugi e l'allontanamento della donna in un posto più sicuro. Non è stato facile riprendere il sonno per quanti hanno assistito al blitz, ma c'è la consapevolezza che, almeno per il momento, è stata interrotta una spirale di violenza che rischiava di avere conseguenze ben più gravi.

«Abbiamo temuto per la vita di quella donna», riferisce una residente, «troppe volte abbiamo sentito chiedere aiuto, l'arrivo dei carabinieri ha evitato il peggio». I reati di maltrattamento in famiglia sono purtroppo sempre più comuni ad Aprilia, con almeno un episodio a settimana. Un dato su cui riflettere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA