Certificati falsi, Trano: «Cade un altro sistema di corruzione»

Martedì 10 Dicembre 2019
Raffaele Trano, deputato del M5S, commenta l'operazione del Nas contro la diffusione di certificati medici falsi: «Cade un altro tassello di un sistema di vita fatto di espedienti e conoscenze tipiche della provincia di Latina. Dopo le due indagini sull'area grigia attorno agli istituti penitenziari, ne arriva una terza in parte collegata, sui favori medico – legali».

«L'azione dei Nas di Latina - commenta Trano - coordinati dalla Procura della Repubblica pontina, riporta l'attenzione su un mondo di ramificazioni corruttive particolarmente insidioso, perché vede protagonisti professionisti ampiamente inseriti nella società civile. Se ne sono accorti perfino i pazienti o forse sarebbe più corretto chiamarli clienti che arrivavano perfino dalle province di Roma e di Caserta pur di conseguire un certificato spendibile ai fini della pensione di invalidità ma anche, cosa assai più grave, per la detenzione di armi o per il depotenziamento di misure cautelari. Ma Asl Latina si è mai preoccupata di come i singoli medici eroghino questo tipo di servizi? Effettua controlli e con quale cadenza?

Sono questi gli interrogativi che rivolgo al Manager Asl Giorgio Casati e sui quali non io, ma l’intera provincia attende una risposta seria. A mio avviso una emissione di certificati così consistente non può passare inosservata. Per quanto riguarda invece il mio mandato continuerò a contrastare tutte quelle resistenze che incontro ogni giorno fuori e dentro il parlamento quando affronto provvedimenti anticorruzione. Rompere le catene del malaffare permetterà di dare più diritti e più soldi a chi è in stato di necessità». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma