Violenza donne, 91 femminicidi nel 2020. Conte: «Durante lockdown triplicati i casi»

Violenza donne, 91 femminicidi nel 2020. Durante il lockdown picco di reati in famiglia (+11%)
4 Minuti di Lettura
Martedì 24 Novembre 2020, 13:12 - Ultimo aggiornamento: 17:47

La convivenza forzata per il lockdown anti Covid ha innescato un sensibile aumento - pari all'11% - dei procedimenti iscritti per maltrattamenti contro familiari e conviventi catalogabili come violenza di genere nel periodo 1° gennaio- 31 maggio 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. Sono 91 in Italia le donne vittime di omicidio nei primi dieci mesi del 2020, praticamente una ogni tre giorni. Sono i dati del rapporto Eures, che segnala una leggera flessione rispetto alle 99 dello stesso periodo 2019. Ma a diminuire significativamente sono solo le vittime femminili della criminalità comune (da 14 a 3), stabili i femminicidi familiari (da 85 a 81) e, all'interno di questi, di quelli di coppia (56 in entrambi i periodi). Il primo report sul Codice Rosso: maltrattamenti in famiglia in aumento dell'11%. Un trend che «può essere imputato alle misure di contenimento da lockdown che hanno portato a situazioni di convivenza forzata».

Violenza donne, Conte: «La legge Codice Rosso funziona, ma il percorso è ancora lungo»

il lockdown ha fortemente modificato i profili di rischio del fenomeno, aumentando quello nei rapporti di convivenza e riducendolo negli altri casi: osservando i dati relativi ai femminicidi familiari emerge infatti come il rapporto di convivenza, già prevalente nel 2019 (presentandosi per il 57,6% delle vittime), raggiunge il 67,5% nei primi dieci mesi del 2020, attestandosi addirittura all'80,8% nel trimestre del Dpcm Chiudi Italia (quando, tra marzo e giugno 2020, ben 21 delle 26 vittime di femminicidio in famiglia convivevano con il proprio assassino)», spiega il rapporto. In valori assoluti, nel confronto tra i primi dieci mesi del 2019 e il medesimo periodo del 2020, il numero dei femminicidi familiari con vittime conviventi sale da 49 a 54 (+10,2%), mentre contestualmente scende da 36 a 26 quello delle vittime non conviventi (-27,8%). 

Il dossier è stato presentato in streaming dal Guardasigilli Alfonso Bonafede e all'evento hanno partecipato anche il premier Giuseppe Conte, la ministra per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti. L'evento avviene alla vigilia della giornata contro la violenza sulle donne. «La legge sul Codice rosso è una legge di civiltà, indispensabile per assicurare una tutela immediata alle vittime di violenza domestica e di genere» ha detto il ministro Bonafede, in apertura del suo intervento per presentare i risultati del primo anno di applicazione delle nuove norme contro la violenza sulle donne.

Tra il primo agosto 2019 e il 31 luglio 2020 (includendo quindi anche i mesi di lockdown), per i 4 nuovi reati introdotti dal Codice Rosso - violazione misure di protezione per le vittime, costrizione al matrimonio, revenge porn, sfregi permanenti - sono state aperte in tutto 3.932 indagini e, per quelle già concluse, in 686 casi è stata già formulata richiesta di rinvio a giudizio. Sono inoltre 90 i processi che si sono già conclusi (65 in fase di udienza preliminare e altri 25 in Tribunale) e nel complesso sono già state inflitte 80 condanne (compresi i patteggiamenti e i decreti penali). Altri 120 processi sono in corso in fase di dibattimentale. «Il dato corposo delle denunce e quello dei procedimenti già approdati alla condanna in primo grado - si legge nel Rapporto del Guardasigilli Alfonso Bonafede sulle nuove misure contro la violenza di genere - consentono di rilevare l'utilità concreta dell'approccio procedimentale, basato sulla corsia preferenziale dell'ascolto, e della introduzione dei nuovi reati. Il dato complessivo delle richieste di rinvio a giudizio appare significativo dell'opportunità dell'intervento normativo del Codice Rosso, in mancanza del quale le gravi condotte tipizzate non avrebbero avuto risposta adeguata». 

Intesa Sanpaolo, contro la violenza sulle donne 1,7 milioni di euro dal Fondo di Beneficienza

Violenza sulle donne, 9 ragazze su 10 non si sentono al sicuro: lavoro e web i luoghi delle molestie

Le suore di clausura di Cascia a tutte le donne italiane: denunciate sempre le violenze, non state zitte

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA