Variante Delta in Campania, De Luca: «Presenza preoccupante, positivi i 18enni tornati dalla festa a Maiorca»

VVariante Delta in Campania, De Luca: «Presenza preoccupante, positivi i 18enni tornati dalla festa a Maiorca»
5 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Luglio 2021, 14:23 - Ultimo aggiornamento: 14:29

​Variante Delta in Campania, il presidente Vincenzo De Luca punta il dito contro i ragazzi che hanno partecipato ad una festa a Palma di Maiorca e poi sono sono tornati a casa: «In Campania abbiamo una presenza preoccupante di variante Delta. Abbiamo trovato alcuni ragazzi, di 18 anni, andati a una festa a Palma di Maiorca tornati positivi al Covid, variante Delta». 

Covid, Oms: «Casi in aumento (+10%) dopo due mesi di calo. Si teme nuova ondata in Europa»

Variante Delta in Italia, Ricciardi: «Rischiamo contagi come la Gran Bretagna. Lockdown a ottobre? Non si può escludere»

Variante Delta: 850 studenti infettati a Maiorca

La variante Delta, individuata per la prima volta in India, continua la sua corsa nel mondo e costringe molti angoli del pianeta a ripiombare nei lockdown, facendo segnare nuovi preoccupanti bilanci di morti e contagi. Come nel caso della Russia dove Mosca registra il maggior numero di decessi dall'inizio della pandemia. E con una contagiosità doppia, secondo gli esperti, rispetto al tradizionale Covid-19, la variante sta innescando pericolosissimi focolai. Ultimo, in ordine di tempo, quello scoppiato a Maiorca dove oltre 850 studenti sono rimasti contagiati durante una gita e 3 mila sono stati costretti alla quarantena.

Una fiammata che preoccupa anche i Paesi con le campagne vaccinali più virtuose: Israele è stato costretto a reimporre le mascherine all'aperto e la Gran Bretagna, con balzi di contagi di giorno in giorno, ha visto i contagi nelle scuole aumentare del 70% in una sola settimana costringendo 16mila alunni a casa. Nel Regno Unito lunedì la Camera dei Comuni si riunirà per un aggiornamento sulla revoca delle restrizioni anti-Covid e si teme che l'atteso anticipo delle misure possa essere rinviato. Diversi Paesi del sudest asiatico, a cominciare dall'Australia, hanno invece reintrodotto lockdown per frenare le minacce della nuova mutazione. Identificata per la prima volta ad aprile, la variante Delta, la più contagiosa tra i vari ceppi, è ora presente in almeno 85 Paesi, secondo l'Organizzazione mondiale della Sanità, facendo temere, nonostante le campagne di vaccinazione, nuove ondate della pandemia che ha già ucciso quasi quattro milioni di persone nel mondo. Già duramente colpita dalla variante, Mosca ha registrato nelle ultime 24 ore un record di 144 morti per Covid-19, il livello giornaliero più alto mai segnato in una citta russa dall'inizio della pandemia e segno di un netto peggioramento della situazione nel Paese. E un record venerdì è stato segnato anche a San Pietroburgo (che ospiterà uno dei quarti di finale degli Europei), con 107 decessi in 24 ore.

Il drammatico aumento dei casi arriva mentre i funzionari di Mosca stanno spingendo i russi ancora scettici a farsi vaccinare dopo aver revocato la maggior parte delle restrizioni anti-virus alla fine dello scorso anno. «Per fermare la pandemia, è necessaria una cosa: vaccinazioni rapide e su larga scala. Nessuno ha inventato un'altra soluzione», ha detto il sindaco di Mosca, Sergei Sobyanin. Sull'isola di Maiorca, le autorità stanno indagando sulle circostanze che hanno consentito lo sviluppo del maxi-focolaio. I ragazzi, provenienti da 8 comunità autonome spagnole, erano in gita di fine anno e, secondo una prima ricostruzione, avevano partecipato ad un concerto a Palma di Maiorca, a feste su barche e all'interno di diversi alberghi. Gli studenti che sono stati messi in quarantena sono passati ormai a tremila. Milioni di residenti a Sydney si sono svegliati domenica mattina nel primo giorno di due settimane di lockdown imposte per contenere la diffusione della variante. Ristoranti, bar e caffé sono chiusi mentre ai cittadini è stato chiesto di rimanere a casa.

La Thailandia da lunedì reimposterà le restrizioni su ristoranti, cantieri e raduni nella capitale Bangkok per cercare di contenere un'ondata di contagi. Il premier, Prayut Chan-O-Cha, ha detto che prevede di riaprire completamente il Paese entro ottobre, ma ciò richiederebbe la vaccinazione di 50 milioni di thailandesi in 4 mesi. Nella vicina Malesia, il primo ministro ha annunciato che continuerà il blocco nazionale in vigore da circa un mese e non ha fornito alcuna data per la revoca delle restrizioni. In precedenza aveva affermato che le misure sarebbero state allentate gradualmente, a condizione che ci fosse un calo delle infezioni e delle terapie intensive. Sempre da lunedì, entra in vigore il lockdown in Bangladesh con gli uffici chiusi per una settimana mentre saranno consentiti solo i trasporti per motivi sanitari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA