Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Test di gravidanza negativo per partecipare al concorso dei vigili urbani, bufera nel Torinese: «È discriminazione»

Il caso in due Comuni della provincia di Torino

Test di gravidanza negativo per partecipare al concorso dei vigili urbani in due comuni nel Torinese
2 Minuti di Lettura
Sabato 11 Giugno 2022, 11:56 - Ultimo aggiornamento: 12:14

Per poter partecipare al concorso per un posto da commissario dei vigili urbani è stato richiesto l'esito negativo del test di gravidanza. È quanto avvenuto in due comuni in provincia di Torino, Vigone e Torre Pellice. Un sindacato minaccia un esposto alla Procura, considerandolo illegittima e discriminatoria la richiesta.

Test di gravidanza per il concorso, il caso

Del caso parla oggi il quotidiano La Stampa, che riporta le dichiarazioni di Loredana Cristino, dirigente nazionale del sindacato Csa di polizia locale, e dell'avvocato torinese Vittorio Barosio, esperto di diritto amministrativo. Il test di gravidanza viene chiesto in vista di una prova atletica, i 1.000 metri da correre entro i 6 minuti e 30 secondi, per le donne.

 

«Chiedere a una candidata per un posto di vigile urbano il test di gravidanza è discriminatorio», dice la sindacalista. «Il bando non assegna agli aspiranti vigili funzioni tali da richiedere come requisito di ammissione al concorso una prova di efficienza fisica consistente nel poter correre 1.000 metri, e per di più in un tempo limitato. Mi pare quindi che la fissazione di questo requisito non sia legittima», spiega a La Stampa l'avvocato Barosio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA