Smart Working, più tempo libero ma aumenta lo stress: 1 lavoratore su 3 soffre per la mancanza dei colleghi

La proroga del lavoro da casa c'è stata, ma ora si studiano gli effetti positivi e negativi dello Smart Working

Smart Working, più tempo libero ma aumenta lo stress: 1 lavoratore su 3 soffre per la mancanza dei colleghi
3 Minuti di Lettura
Sabato 24 Settembre 2022, 15:23 - Ultimo aggiornamento: 25 Settembre, 17:13

La pandemia e gli interventi necessari per contenerla hanno portato alla necessità di sistemi d'emergenza per contenerla. Così è esploso in Italia ed in Europa un vero e proprio boom del lavoro da casa: lo smartworking. Basti pensare che solo in Italia si è passati in due anni da meno di mezzo milione di lavoratori agili a oltre 5 milioni in smart working.

Decreto Aiuti bis è legge: da smart working a bollette, le novità

Smart Working, piu' tempo libero ma aumenta lo stress

Un cambiamento che ha portato vantaggi e svantaggi per chi affronta il lavoro da casa, come conferma il rapporto sul benessere nel lavoro da casa 2022 di NFON, che ha intervistato gli smart worker di sei Paesi europei, capendo come vivono la nuova situazione. Secondo i dati raccolti in sei Paesi europei, infatti, per oltre 1 lavoratore su 3 la nuova situazione ha aumentato lo stress. Lo smart working pesa per i dipendenti soprattutto per l'assenza di interazione sociale con i colleghi. La battuta con il vicino, la pausa caffè per fare due chiacchiere, ma anche la possibilità di scambiare opinioni e chiedere aiuto al collega/amico crea maggior stress per il 36% degli intervistati.

Smart working prorogato fino a dicembre: ecco come funziona (e chi potrà beneficiarne)

La ricerca

A peggiorare lo stato di chi lavora da casa c'è anche la difficoltà a dividere nettamente la vita lavorativa da quella privata, lo stress tecnologico - con i problemi spesso di connessione - e il fatto di essere contattabili senza un orario di lavoro ben definito. Ma se lo smart working per 1 lavoratore su 3 significa sentire la mancanza dei colleghi, dall'altro lato questa nuova realtà dà un senso di benessere a oltre metà intervistati.

Smart working, proroga fino a Natale per fragili e lavoratori con figli under 14. Le misure del Decreto Aiuti-bis

I dati

Il 57,3% dei lavoratori, infatti, ritiene che lavorare da casa sia un vantaggio perché in questo modo si ha la possibilità di evitare i colleghi che arrecano disturbo mentre si lavora o con cui non si ha affinità. Per il 38,3%, invece, lo smart working è positivo perché si può continuare a lavorare anche se malati. Un altro paradosso che emerge dalla ricerca riguarda il bilanciamento tra carico lavorativo e tempo libero. Quasi per 3 lavoratori su 10, infatti, con lo smart working è aumentato il carico di lavoro, mentre per 1 lavoratore su 4 è cresciuto il numero di ore che dedica al lavoro. Ma se aumenta il lavoro, al tempo stesso per il 36% degli intervistati lavorando da casa hanno più tempo da dedicare alla famiglia e agli amici, mentre quasi 3 lavoratori su 10 possono praticare più sport rispetto a prima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA