Smart working, proroga fino a Natale per fragili e lavoratori con figli under 14. Le misure del Decreto Aiuti-bis

Torna fino a dicembre il lavoro agile, anche senza accordo individuale, per le categorie di lavoratori considerati da tutelare

Smart working, proroga fino a Natale per fragili e lavoratori con figli under 14. Le misure del Decreto Aiuti-bis
di Roberta Amoruso
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Settembre 2022, 00:08 - Ultimo aggiornamento: 15:10

Alla fine il ministro del lavoro Andrea Orlando l’ha spuntata. Da luglio combatte per l’estensione dello smart working previsto per fragili e genitori di under 14 prevista fino a luglio scorso. Trovati i fonti tra quelli del Ministero, è arrivato anche l’emendamento al Decreto Aiuti-bis, con tanto di via libera dell’aula del Senato, che rende l’estensione possibile. Dunque, torna fino a dicembre il lavoro agile, anche senza accordo individuale, per queste categorie di lavoratori considerati da tutelare. La misura, ha spiegato il ministro, «rappresenta un intervento fondamentale per tutelare le persone più fragili, i genitori con figli piccoli e continuare a garantire migliore conciliazione del tempo vita-lavoro grazie alla modalità agile».

Le misure del Decreto Aiuti Bis

 

Le pensioni impignorabili fino a mille euro

Sale da 750 a 1.000 euro il tetto per l’impignorabilità dell’assegno pensionistico. Il limite sale dunque al doppio dell’assegno sociale, dopo il via libera all’emendamento al Decreto Aiuti-bis targato M5S. «Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza», ha riferito in Aula a Palazzo Madama il relatore Daniele Pesco (M5s), «non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente al doppio della misura massima mensile dell’assegno sociale, con un minimo di 1.000 euro», considerato il nuovo livello «minimo vitale».

Scuola, per i professori incentivo senza qualifica

Sciolto anche un altro nodo sul quale si era incagliato il Decreto Aiuti-bis. La figura del “docente esperto” spuntata ad agosto non è sopravvissuta all’avvio dell’anno scolastico, accusata di introdurre una forma di carriera definita per legge, fuori dalla sua sede naturale. Il nodo si è sciolto cancellando la figura. Resta solo l’incentivo economico. Gli insegnanti di ruolo, infatti, con valutazione positiva dopo la formazione triennale potranno «essere stabilmente incentivati, in un sistema di progressione di carriera che sarà precisato in sede di contrattazione collettiva».

Alle associazioni sportive 50 milioni per le bollette

Contro il caro-energia arrivano contributi a fondo perduto, nel limite massimo di 50 milioni nel 2022, per le associazioni sportive e società sportive dilettantistiche che gestiscono impianti sportivi. Fino al 50% di questi fonti potrà essere destinato alle piscine. Viene inoltre estesa (ma con il vincolo della loro “non visibilita”) la possibilità per strutture turistiche e termali di realizzare impianti fotovoltaici anche nei centri storici e aree tutelate, come già previsto per le strutture presenti in aree diverse.

Statali, dal 2027 stabilizzazioni per i tecnici Pnrr

Via libera anche alla norma per favorire la stabilizzazione, a partire dal 2027, dei lavoratori a termine assunti dalla Pa per l’attuazione del Pnrr. Dunque per il personale assunto a tempo determinato, le amministrazioni possono, «al fine di valorizzare la professionalità acquisita», procedere alla loro stabilizzazione, non prima del primo gennaio 2027 e «nei limiti dei posti disponibili della vigente dotazione organica». La stabilizzazione verrà fatta «nella qualifica ricoperta alla scadenza del contratto a termine», previo colloquio e all’esito della valutazione positiva del lavoro svolto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA