Scuola vietata per le treccine blu, il 13enne le taglia e si scusa con la preside

Lunedì 16 Settembre 2019
Le treccine blu elettrico sono solo un ricordo. Il ragazzino di 13 anni a cui la preside ha vietato, lo scorso venerdì di entrare a scuola, la Ilaria Alpi-Carlo Levi di Scampia, periferia nord di Napoli, per la sua acconciatura, ha deciso di tagliare le treccine per mettere tutto e tutti a tacere. «È una decisione di mio figlio che dimostra di essere una persona matura», dice Carla la mamma. E sulla maturità del ragazzo la madre e la preside dell'Istituto, Rosalba Rotondo, sono d'accordo. 

È stata proprio Carla, la mamma, a togliere dalla testa del figlio  le treccine
pomo della discordia. Così, domani il ragazzino  potrà tornare tra i banchi di scuola. «Gliele ho tagliate io quelle treccine - racconta la madre - l'ho fatto per senso di responsabilità, rispettando quello che ha deciso mio figlio che domani entra in classe. E poi - sorride - oggi i barbieri erano chiusi».

E sempre nella stessa scuola, come segnalato dal sito internapoli.it, oggi la preside ad altri due alunni ha negato l'accesso in classe. Stavolta per i jeans che indossavano. È stata la madre dei due ragazzini, 11 e 12 anni, a lamentarsi, su Facebook, per quanto accaduto. «Questa volta non sono treccine blu, ma semplici jeans a far sì che la preside Rotondo si arroghi il diritto di lasciare in sala professori i miei figli per l'intera durata delle attività didattiche, precludendogli il diritto allo studio - scrive Mary - Mio figlio è riuscito a ottenere di poter andare in bagno verso le 11, mi ha tempestivamente telefonato per dirmi che la preside, ritenendo non consono il loro abbigliamento, li aveva costretti a non entrare in classe per svolgere le lezioni».

«Mio figlio ora è sotto shock e non vuole tornare a scuola. Ô un comportamento normale da parte di una dirigente? I pantaloni dei miei figli sono così oltraggiosi? - conclude - Bisogna che chi di dovere riveda il ruolo assegnato alla dirigente, perché stiamo vivendo nel terrore di mandare i nostri figli a scuola».


LEGGI ANCHE....> Salerno, professoressa derisa dagli studenti in classe: il video fa il giro del web

Sulla questione delle treccine la preside ha dichiarato che dopo le lezioni il tredicenne
«ha chiesto di incontrarmi - racconta la preside - la mia porta è sempre aperta e mi ha detto di avere intenzione di tagliare le treccine, mi ha chiesto scusa per tutto quello che è successo». Parole, quelle pronunciate dal ragazzino che, per la preside «sono state di sollievo dopo questi giorni turbolenti». «È un ragazzino molto intelligente - evidenzia - a dicembre si esibirà con altri alunni al San Carlo di Napoli. Qui a scuola vogliamo che continui a coltivare la passione per il pianoforte, la musica. Il suo riscatto deve arrivare dalla cultura». 

  Ultimo aggiornamento: 18:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma