Covid, report ministero Salute-Iss: «Situazione molto grave. ​Varie Regioni in scenario quattro»

Covid, monitoraggio Iss dice che l'epidemia in Italia è in netto peggioramento
di Rosario Dimito
3 Minuti di Lettura
Lunedì 9 Novembre 2020, 22:44 - Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 13:21

L’epidemia in Italia è in rapido peggioramento. Nella maggior parte del territorio nazionale è compatibile con uno scenario di tipo 3 ma sono in aumento il numero di Regioni/PA in cui la velocità di trasmissione è già compatibile con uno scenario 4. Si conferma pertanto una situazione complessivamente e diffusamente molto grave sull’intero territorio nazionale con criticità ormai evidenti in numerose Regioni/PA italiane. Il report settimanale 26 ottobre-1 novembre, del monitoraggio fase 2 del Ministero della Salute, aggiornato al 9 novembre, fotografa una situazione complessiva sempre più critica. Per i tempi che intercorrono tra l’esposizione al patogeno e lo sviluppo di sintomi e tra questi e la diagnosi e successiva notifica, verosimilmente molti dei casi notificati in questa settimana hanno contratto l’infezione nella prima parte di ottobre. In considerazione del peggioramento della situazione complessiva Liguria, Toscana, Abruzzo, Basilicata e Umbria sono passate dalla zona gialla a quella arancione, essendo divenute a rischio alto. Nella settimana di monitoraggio, tutte le Regioni/PA sono classificate a rischio alto di una epidemia non controllata e non gestibile sul territorio o a rischio moderato con alta probabilità di progredire a rischio alto nelle prossime settimane. Le conclusioni sono molto preoccupanti. 

Covid Italia, bollettino oggi 9 novembre: 25.271 nuovi casi in 24 ore e 356 morti + 100 ricoveri in terapia intensiva

Natale chiuso per Covid, un danno da 110 miliardi di euro

L'indice Rt superiore a 1,5

La situazione descritta in questa relazione evidenzia forti criticità dei servizi territoriali e il raggiungimento attuale o imminente delle soglie critiche di occupazione dei servizi ospedalieri in tutte le Regioni/PA. L’aumento ulteriore dell’incidenza è coerente con l’aumento dell’Rt nazionale che attualmente si mantiene al di sopra di 1,7 nel suo valore medio e abbastanza stabile (a 1.45) nel sul intervallo di confidenza minore, indicando un progressivo avvicinamento allo scenario 4. «Si conferma una situazione complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale con criticità ormai evidenti in tutte le Regioni/PA. E' necessaria una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone in modo da alleggerire la pressione sui servizi sanitari». Inoltre «è obbligatorio adottare comportamenti individuali rigorosi e rispettare le misure igienico-sanitarie predisposte relative a distanziamento e uso corretto delle mascherine. Si ribadisce la necessità di rispettare le misure raccomandate dalle autorità sanitarie compresi i provvedimenti quarantenari dei contatti stretti dei casi accertati e di isolamento dei casi stessi».

Il virus circola diffusamente: aumentano i casi non riconducibili a catene di trasmissione note

Si mantiene stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso attività di tracciamento di contatti (19,5%), e si conferma la percentuale ormai rilevante dei casi identificati per la comparsa di sintomi (35,1%). Si conferma stabile (27,4%) anche la percentuale dei casi che è stata rilevata attraverso attività di screening. É ormai non trascurabile (18,0%) la percentuale dei casi per cui non è stato riportato il motivo dell’accertamento diagnostico. o Continua ad aumentare il numero di casi non riconducibili a catene di trasmissione note (74.967 questa settimana vs 49.511 la settimana precedente) che supera l’80% dei nuovi casi segnalati in alcune Regioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA