Pompei, agli scavi arriva il checkpoint come in aeroporto: ingresso blindato

Martedì 1 Ottobre 2019 di Laura Larcan

Tu chiamalo, se vuoi, "checkpoint Pompei". Agli scavi dell'antica città vesuviana scatta in via sperimentale il nuovo sistema di sicurezza: l'ingresso al sito archeologico diventa blindato come all'aeroporto. Nelle prossime ore i turisti che arriveranno a piazza Anfiteatro (Pompei è il secondo sito più visitato d'Italia, subito dopo il Colosseosi troveranno davanti un nuovo dispositivo di controllo con l'assistenza di vigilanza armata specializzata, per la rilevazione di eventuali materiali pericolosi. Come fanno sapere dalla direzione di Pompei, quello di piazza Anfiteatro è il primo di tre checkpoint progettati (gli altri due apriranno nel tempo a piazza Esedra e piazza Porta Marina in modo da mettere in sicurezza tutti gli ingressi agli scavi).

Il primo step, per il visitatore, consiste nel passaggio sotto il primo metaldetector (a flusso continuo). Seguirà un percorso obbligatorio segnato da dissuasori (che gestirà la fila). Quindi, si incontrerà un secondo punto di controllo del tutto simile all'aeroporto: i bagagli saranno posizionati dentro cestelli su un nastro che passerà sotto appositi macchinari per la scansione dei contenuti, oltre ai controlli radiogeni sui visitatori. L'operazione rientra in un progetto più ampio di sicurezza Safety and Security per il Parco degli scavi di Pompei, frutto di un protocollo tra Ministero dei beni culturali e Ministero dell'Interno, e grazie a fondi Pon- Legalità. 

Padre e figlio trovati sepolti insieme in Puglia: un abbraccio lungo 2.500 anni
Pompei, trovato il tesoro della fattucchiera: ambre, pietre preziose e amuleti di ogni tipo

Le novità sul fronte sicurezza dell'area non si fermano qua. Sarà obbligatorio depositare i bagagli, zaini, borse, più voluminosi: per questo sarà ampliato il servizio di guardaroba. Cambiamenti anche alle biglietterie: al fine di velocizzare l'ingresso dei visitatori al sito, il servizio sarà ampliato con nuove apposite apparecchiature self service per permettere l'acquisto automatico dei ticket di ingresso. Una innovazione, dunque, che è bene accolta dagli operatori turistici, anche se non manca qualche perplessità tra gli addetti ai lavori sul rallentamento che questi controlli imporranno agli ingressi dei gruppi.
 


 

Ultimo aggiornamento: 19:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Termini, la brutta cartolina della fila chilometrica per i taxi

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma