Padre e figlio trovati sepolti insieme in Puglia: un abbraccio lungo 2.500 anni

Giovedì 26 Settembre 2019
Un abbraccio lungo 2500 anni, scoperti in Puglia padre e figlio sepolti insieme

Un abbraccio lungo secoli. Anzi, millenni. Sembra l'inizio di una favola, invece è realtà. E nemmeno gli archeologi del Laboratorio di Antropologia Fisica dell'Università del Salento forse si aspettavano tanto quando hanno iniziato gli scavi a Roca, in provincia di Lecce. Un'operazione come tante altre di recupero di resti scheletrici ha lasciato tutti gli operatori a bocca aperta: davanti agli occhi degli scavatori, scoperchiata una tomba messapica risalente al V secolo a.C, sono apparsi due scheletri fossilizzati in un abbraccio. Appartenevano a un uomo, un papà, e a suo figlio.

LEGGI ANCHE Pompei, trovati 5 scheletri nella casa dell'iscrizione. «Scoperta rivoluzionaria»
LEGGI ANCHE «Si sono rubati la tomba di mamma e papà!»

«Si tratta», scrivono gli studiosi, «di una sepoltura bisoma di un adulto e un subadulto: una rarità in questa necropoli caratterizzata da deposizioni singole o tombe collettive con deposizioni differite». I resti umani appartengono dunque con tutta probabilità, nonostante l'evidente differenza di età che emerge dalle loro ossature, a un padre e un figlio che sono stati sepolti insieme. Un passo avanti per la scienza e una sorpresa che ha intenerito tutti. Chissà qual'è la storia dei due, chissà perchè sono sepolti insieme. Quel che è certo, adesso, è che alcuni abbracci sono per sempre, davvero.
 

 

LEGGI ANCHE Il teschio della donna-vampiro
LEGGI ANCHE Alla scoperta dei mammut

 

Ultimo aggiornamento: 18:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma