Polignano, carne pregiata ma scaduta: multa al ristorante, poi le scuse

Martedì 25 Giugno 2019
Polignano, carne pregiata ma scaduta: multa al ristorante, poi le scuse

Dopo la multa, ecco le scuse. Lo chef e il vicedirettore del ristorante Grotta Palazzese di Polignano a Mare, Bari, Felice e Riccardo Sgarra, «si scusano» dopo il sequestro, da parte della Guardia costiera, di 68 kg di pesce, crostacei, carne e pasta congelata privi di tracciabilità e di circa 8 kg di controfiletto 'wagyu' (bovino giapponese) il cui termine per la somministrazione era scaduto in maggio. E si assumono la «responsabilità» (le «materie prime» erano affidate a loro), affermando che «la proprietà e l'amministratore sono assolutamente estranei».

Parlano di «errore», spiegando che la carne trovata in «cella frigo (-18 gradi) era stata regolarmente sottoposta ad abbattimento (non congelamento) prima della data di scadenza»: il processo ne «garantisce la conservazione e la salubrità», ed era esclusa dai «menu estivi», dunque «non destinata ai clienti».

Il pesce era «in una cella frigo (-18) diversa da quella in cui erano gli altri prodotti ittici con etichetta di tracciabilità. Il Grotta Palazzese è un hotel ristorante a cinque stelle. Nell'ambito del sequestro di alimenti, gli è stata comminata una multa di 5.500 euro. La Guardia costiera di Bari era intervenuta anche in un secondo ristorante, in località Cala Paura, trovando in un deposito sotterraneo 95 kg di pesce congelato di provenienza sconosciuta. Qui la sanzione elevata è stata di 1.500 euro.
 

Ultimo aggiornamento: 16:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma