Diga svuotata in Sicilia, migliaia di pesci morti: aperta indagine per disastro ambientale

Diga svuotata in Sicilia, migliaia di pesci morti: aperta indagine per disastro ambientale
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Maggio 2021, 15:46

Una vera e propria catastrofe sulla quale sta indagando la Procura di Enna. Si tratta dello svuotamento dell'invaso della diga Sciaguana di Agira che ha provocato la moria di migliaia di pesci rimasti all'asciutto con una vera e propria strage di carpe e anguille in particolare. L'inchiesta, al momento, è senza indagati. Il reato ipotizzato dal procuratore Massimo Palmeri è disastro colposo.

Moria di pesci nel fiume Liri, ecco cosa ha trovato l'Arpa: elevate concentrazioni di metalli pesanti e scarichi fognari

Il disastro ambientale - A lanciare l'allarme nei giorni scorsi era stato il Wwf Sicilia Centro denunciando un «disastro ambientale» perché «il lago non esiste più: al suo posto c'è una distesa di fango e limo teatro di una vasta moria di fauna ittica, con centinaia di esemplari ormai agonizzanti nelle residue pozze d'acqua in via di prosciugamento». Sulla vicenda interviene il commissario straordinario del Consorzio di bonifica Sicilia orientale, Franco Nicodemo,: «lo svuotamento dell'invaso, contrariamente a quanto scritto dai media - spiega - non è imputabile in alcun modo al Consorzio di bonifica Enna 6 che non può intervenire nelle operazioni gestionali del lago che sono a cura del dipartimento regionale Acque e rifiuti». «Stiamo valutando - annuncia Nicodemo -di adire per vie legali al fine di tutelare il nostro operato. Ormai da diversi anni il dipartimento regionale Acque e rifiuti è il gestore dell'invaso, mentre il Consorzio di Bonifica 6 di Enna è un mero utilizzatore delle acque Sciaguana». « Sull'accaduto l'assessore all'Energia della Regione Siciliana, Daniela Baglieri, ha »avviato un procedimento per verificare le responsabilità dello svuotamento dell'invaso della diga di Agira« e ha convocato per lunedì »una riunione con tutti i responsabili delle dighe siciliane e il dirigente del servizio«. Mentre la deputata del M5s, Jose Marano, ha chiesto all'Assemblea regionale Siciliana un'audizione sul caso in commissione Attività produttive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA