Incidente con tre morti sull'Adriatica: uomo alla guida ubriaco, drogato e senza patente

Martedì 11 Giugno 2019
Pesaro, schianto con tre morti: ubriaco drogato e non ha mai preso la patente

Alcol e cocaina nel sangue, nessuna patente di guida. Ecco quanto è emerso dalle prime indagini su Marco Orazietti, il 31enne indagato per omicidio stradale plurimo e lesioni colpose che domenica ha provocato la morte di tre persone sulla Ss16 all'altezza di Colombarone di Pesaro.
 

 

Orazietti è ricoverato in prognosi riservata a Torrette: gli esiti degli esami tossicologici avrebbero svelato la presenza di alcol e cocaina. Le indagini stanno ricostruendo anche le fasi precedenti il disastro, in particolare cosa Orazietti, abbia fatto e dove si sia recato prima di mettersi al volante dell’auto. Come è emerso ieri il 31enne non ha mai conseguito la patente di guida ed è in possesso del solo patentino per i motocicli. Nonostante questo domenica era alla guida della Mazda bianca che apparteneva a Silvia Lucarelli la giovane mamma morta nello schianto insieme a Roberto Carosio e alla sua compagna Oriella Bonerba e diversamente da come indicato in un primo momento, la vettura è regolarmente assicurata.

Sempre ieri al comando della Municipale sono stati ascoltati due testimoni dell’incidente e le loro dichiarazioni sono già nel fascicolo della Procura. Orazietti, che è in grado di parlare, ha già nominato un legale. Sarà sottoposta invece a ricognizione cadaverica Silvia Lucarelli e forse domani o giovedì potrà essere celebrato il suo funerale. Una ragazza sempre con il sorriso sulle labbra, legatissima alla sua bambina di 9 anni e ai suoi genitori. Un mese fa Silvia aveva lasciato il lavoro come barista al caffè Centralino per iniziare una nuova attività lavorativa insieme alla mamma.

Ultimo aggiornamento: 14:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Calimero e la gabbianara della Balduina

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma