Licata, consigliere eletto con la Lega spara 4 colpi e ferisce il socio delle onoranze funebri: fermato per tentato omicidio Video

Licata, consigliere leghista spara quattro colpi al socio in affari: l'uomo è stato ferito lievemente a un braccio
2 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Luglio 2021, 17:40 - Ultimo aggiornamento: 30 Luglio, 16:15

Quattro colpi di pistola contro il socio in affari con cui aveva un'iimpresa di onoranze funebri. È stato fermato per tentato omicidio e porto illegale di arma da fuoco Gaetano Aronica, 48enne di Licata, in provincia di Agrigento, che ieri ha sparato ferendo a un braccio un 71enne.

Da mesi tra i due vi erano contrasti nella gestione dell'impresa che gestivano. Aronica, eletto nel consiglio comunale di Licata nel 2018 con la Lega con 373 preferenze, pur non essendosi mai iscritto, attualmente nel gruppo misto, si è quindi presentato ai carabinieri insieme al suo legale. L'arma usata dall'aggressore è un revolver calibro 22 illegalmente detenuto. Il ferito, un imprenditore di 71 anni, è stato medicato in ospedale e dimesso con una prognosi di 20 giorni.

«La lite pare sia scaturita da alcune controversie economiche legate all'attività commerciale che i due gestiscono», spiegano gli investigatori dell'Arma. Il 48enne è stato denunciato a piede libero per tentato omicidio e porto abusivo di arma da fuoco. L'arma e le munizioni sono state poste sotto sequestro a disposizione dell'autorità giudiziaria.

La Lega di Licata

Dal Carroccio fanno sapere però che il consigliere comunale di Licata «non è stato mai tesserato al partito». La sparatoria è avvenuta a pochi passi dalla sede del Comune, in via Grangela, dove nel pomeriggio si era tenuta una seduta dal consiglio a cui Aronica aveva partecipato.

Notevole tuttavia la soddisfazione dell'onorevole leghista Alessandro Pagano per l'elezione di Aronica fra le fila appunto del Carroccio. 

Qui il video

© RIPRODUZIONE RISERVATA