Il soldato Annarita Garofalo salva un bimbo che stava morendo per strada. Il sindaco: «Immensamente grati»

Bari, la militare Annarita Garofalo salva un bimbo che stava morendo per strada. Il sindaco: «Immensamente grati»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Settembre 2021, 21:22 - Ultimo aggiornamento: 21:31

Una storia di coraggio e determinazione. Il Caporal Maggiore Annarita Garofalo, militare in servizio al 9° Reggimento di Fanteria di Trani, che si trovava nel centro di Ruvo di Puglia - un piccolo comune in provincia di Bari  - ha sentito le disperate grida d'aiuto di un uomo che aveva in braccio un bambino. Il piccolo era svenuto, privo di sensi, e il padre temeva il peggio. 

Annarita è subito intervenuta a soccorrere il bimbo e s'è accorta che fortunatamente c'era ancora battito. La militare ha praticato al bambino una manovra salvavita, ma il piccolo, dopo essersi ripreso, ha perso coscienza ancora una volta. Immediatamente Il Caporal Maggiore ha provato a rianimarlo nuovamente, lottando contro il tempo piché l’ambulanza, già avvertita, sarebbe dovuta arrivare da Molfetta e il bimbo avrebbe rischiato grosso.

Roma, tenta il suicidio da ponte Sublicio: lo salva un carabinere trattenendolo per la cintura

Dopo l'arrivo della madre, si è decisi di trasportarlo all’Ospedale più vicino, quello di Corato, dove il bimbo ha finalmente ripreso conoscenza. Il gesto eroico  è stato elogiato anche dal sindaco Pasquale Chiecom, che sul suo profilo Facebook ha postato una foto assieme alla militare, accompagnata con una bella didascalia: «Ci tenevo davvero a incontrarti e a ringraziarti di persona a nome di tutti i Ruvesi, Caporal Maggiore Annarita (come mi hai permesso di chiamarti). Ci vogliono presenza di spirito, competenza e sangue freddo – prosegue il Sindaco -. Sono orgoglioso di averti incontrata: il tuo comportamento è un'ulteriore prova della preparazione e dello spirito di servizio delle nostre Forze armate, il tuo modo di agire testimonia altruismo e grande coraggio. La vita è un bene inestimabile. Siamo tutti vicini ai genitori di quel piccolino e tutti ti siamo immensamente grati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA