MALTEMPO

Maltempo in 9 regioni, allerta meteo a Milano. Alessandria, case scoperchiate e volano i tetti

Domenica 2 Agosto 2020
Maltempo, allerta in nove regioni. Grandinata distrugge le coltivazioni in Campania

Maltempo, dopo il caldo africano è allerta arancione in Lombardia e allerta gialla in otto regioni, con una grandinata che in Campania ha già distrutto i campi con pesanti danni a ulivi, ortaggi, frutta, vigne e tabacco tra Irpinia e Sannio. Arriva il primo temporale estivo ed è già conta dei danni, a causa della forte grandinata che ha colpito ieri pomeriggio con violenza in Campania le aree interne tra Irpinia e Sannio, in particolare le valli dell'Ufita, del Sabato e Caudina. Lo rende noto Coldiretti Campania, che tramite le federazioni provinciali di Avellino e Benevento sta monitorando il territorio per comprendere l'entità dei danni.

Caldo a Roma, la reazione dei turisti

Orvieto è stata la città più calda dell'Umbria: il 31 luglio picco massimo a 41,8 gradi

Chicchi di grandine grossi come palline da ping pong sono caduti in alcune fasce di territorio senza lasciare scampo a uliveti, ortaggi in pieno campo, frutteti, vigneti e tabacco. Complice il forte vento, i pezzi di ghiaccio venuti giù dal cielo hanno trinciato qualsiasi cosa si sono trovati davanti, distruggendo e annientando ogni ipotesi di raccolto. Il fenomeno ha interessato in particolare Castel Baronia, Casalbore, Villanova del Battista, Fontanarosa, Taurasi, Benevento e Roccabascerana, ma la ricognizione è ancora in corso. Come è noto, la virulenza delle grandinate non è uniforme, ma si accanisce a macchia di leopardo.

Il fenomeno si è sviluppato a sud est dell'Appennino centrale nell'alta Irpinia nel primo pomeriggio per poi risalire verso nord ovest, investendo Benevento e proseguendo verso la valle Caudina, per poi raggiungere Napoli in serata. Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia, dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che - precisa la Coldiretti - si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo. Un fenomeno aggravato dal consumo di suolo con l'abbandono delle campagne e la cementificazione che - denuncia Coldiretti - negli ultimi 25 anni ha fatto sparire il 28% delle campagne.

Alessandria, tetti scoperchiati
Pioggia, grandine e forti raffiche di vento (95,4 km/h ad Alessandria nel sobborgo di Lobbi con un picco di 106, 86 km/h a Casale Monferrato) hanno provocato danni e disagi: tetti scoperchiati, piante cadute in strada, auto distrutte, allagamenti. Alcuni siti web specializzati in meteorologia parlano di 'downburst', le folate di vento che infuriano con moto discendente uscendo dal fronte avanzante di un temporale.

Danni nell'Alessandrino

Sono una cinquantina gli interventi effettuati dei vigili del fuoco la notte scorsa dai vigili del fuoco per l'ondata di maltempo che si abbattuta sull'Alessandrino. Quelli ancora in attesa di essere completati sono almeno un centinaio. Pioggia, grandine e forti raffiche di vento (95,4 km/h ad Alessandria nel sobborgo di Lobbi con un picco di 106, 86 km/h a Casale Monferrato) hanno provocato danni e disagi: tetti scoperchiati, piante cadute in strada, allagamenti. Alcuni siti web specializzati in meteorologia parlano di 'downburst', le folate di vento che infuriano con moto discendente uscendo dal fronte avanzante di un temporale.

Pioggia e temporali al Nord

Piogge e temporali in arrivo al Nord. «L'avvicinamento di una perturbazione nord-atlantica, permeata da aria più fredda in quota, tenderà ad interessare l'Italia apportando un intenso peggioramento delle condizioni meteorologiche sulle regioni settentrionali, con precipitazioni a prevalente carattere temporalesco, generalmente di forte intensità», fa sapere il Dipartimento della Protezione Civile che, sulla base delle previsioni disponibili e d'intesa con le regioni coinvolte - alle quali spetta l'attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati - ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it). L'avviso prevede precipitazioni da sparse a diffuse a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Provincia Autonoma di Trento. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni in atto e previsti, è stata valutata per la giornata di oggi allerta arancione per rischio temporali in Lombardia. È stata inoltre valutata allerta gialla su alcuni settori di Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige, sull'intero territorio di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e su gran parte di Umbria e Marche. Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull'Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all'evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l'evolversi della situazione.

 


Danni a Taranto
«Bisogna rivedere gestione rischio e scelte su assicurazioni». Una violenta grandinata si è abbattuta ieri pomeriggio sulla provincia di Taranto provocando, secondo quanto verificato da Coldiretti Puglia, «gravi danni a frutteti, vigneti e ai campi di angurie e meloni a Ginosa e Castellaneta, dove le frequenti tempeste della pazza estate 2020 non stanno risparmiando alcuna coltura». Coldiretti fa il bilancio «dell'ennesimo fenomeno della tropicalizzazione del clima in una estate caratterizzata da bombe d'acqua, grandine e vento forte, ma al contempo dalla siccità persistente, con temperature anche oltre i 40ø in alcune aree rurali». «La gestione del rischio e le scelte in tema di assicurazioni in agricoltura vanno profondamente riviste - afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia - perché incidono sulla redditività e sulla liquidità delle imprese agricole, insieme alla corretta programmazione e gestione aziendale. I fenomeni estremi, oltre ad azzerare le produzioni, danneggiano le piante, le strutture, serre e tendoni, con episodi violenti e controversi che si abbattono sulle campagne provocando 3 miliardi di euro di danni in Puglia negli ultimi 10 anni».

Frana nel Bellunese
Frana per fortuna senza conseguenze per le persone, tra Malga Gran Pian e Malga Ombretta, in località Rocca Pietore Lo rileva la Provincia di Belluno che sta facendo un bilancio dei danni causati dal maltempo in vari comuni della zona. «Stiamo preparando una modalità snella per aiutare i territori che hanno subito danni la notte scorsa. Le risorse ci sono» ha detto il consigliere provinciale alla Difesa del Suolo, che questa mattina ha contattato i sindaci di Alleghe, Falcade, Livinallongo e Rocca Pietore, per fare il punto della situazione dopo i nubifragi notturni.«Ci sono stati segnalati diversi dissesti. In particolare ad Alleghe risulta interrotta per frana una strada che serve un'abitazione - spiega il consigliere provinciale -. A Falcade le piogge hanno provocato danni alla pista ciclabile, che proprio nel cuore della stagione turistica è molto frequentata. E tra Livinallongo e Rocca Pietore - prosegue - si registrano ulteriori danni. Per questo abbiamo pensato di trovare una soluzione, utilizzando le risorse che la Provincia ha a disposizione. La frana, invece, rileva il presidente di Cia Belluno Belluno, Luca Cosul Cuffaro, è caduta attorno alle due di notte. »Nonostante qualche giorno fa l'area dietro la diga fosse stata ripulita, in pochissimo tempo si è raccolto nuovo materiale, che ha superato la barriera, ha fatto saltare un ponticello di 4 metri che collega due malghe e un rifugio (e che attualmente sono isolati) ed è arrivato a lambire alcune costruzioni e alcuni allevamenti«. Stamane sono intervenuti i vigili del fuoco e i servizi forestali per mettere in sicurezza la zona e fare una prima stima dei danni. Cosul Cuffaro chiede che »la Regione intervenga con un piano di ripristino del territorio. Innanzitutto perché va ristabilito un equilibrio ambientale«. 

Modena
Danni da maltempo, pioggia e forte vento, questa notte in provincia di Modena. Alberi, rami e pali caduti sulle strade o sui cavi dell'elettricità, tegole volate, allagamenti e decine di chiamate ai vigili del fuoco e dei carabinieri in particolare nei territori di Nonantola, Castelfranco, Carpi, Soliera, San Felice Sul Panaro e nel capoluogo. A Bomporto, la guaina del tetto di un'abitazione in via per Modena è stata divelta dal vento, con il tetto in parte scoperchiato, così come un'altra casa in via di Navicello. A Soliera, in piazza Lusvardi sono volate sedie, transenne e il telo per il cinema all'aperto. Transenne e recinzioni danneggiate anche nei cantieri del centro storico (piazza Fratelli Sassi), di via Primo Maggio e della Palestra Loschi, ma anche fra la scuola dell'infanzia 'Muratorì e lo stadio 'Stefaninì. Caduto il gazebo di fronte alla farmacia comunale.

Lombardia
l centro funzionale monitoraggio rischi naturali della Regione Lombardia ha confermato l'avviso di criticità arancione (moderata) per temporali forti e gialla (ordinaria) per rischio idrogeologico a partire da questo pomeriggio e fino a mezzanotte di martedì 4 agosto. Il Comune di Milano fa sapere in una nota di aver attivato il centro operativo comunale (Coc) per il monitoraggio dei livelli idrometrici dei fiumi Seveso e Lambro e del radar. Sono allertate le squadre di Polizia locale, Protezione civile e Mn servizi idrici al fine di graduare l'attivazione del piano di emergenza.

Toscana
Tempo in peggioramento, soprattutto sulle zone settentrionali della Toscana, per l'avvicinarsi di una perturbazione atlantica. La Sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un codice giallo per pioggia e temporali valido dalle 4 alle 20 di domani, lunedì 3 agosto. Le precipitazioni saranno più frequenti sul nord-ovest, nelle province di Massa Carrara e Lucca, mentre risulteranno più sparse sul resto delle zone settentrionali. Isolati rovesci o temporali potranno interessare anche le zone centro-meridionali dal pomeriggio, ma in queste zone comunque la probabilità di fenomeni sarà medio-bassa.

Ultimo aggiornamento: 3 Agosto, 00:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA