CORONAVIRUS

Coronavirus, Fontana: «Obbligo di mascherine resti, sulle chiusure avrei allentato»

Lunedì 27 Aprile 2020
Coronavirus, Fontana: «Obbligo di mascherine resti, sulle chiusure avrei allentato»

Sulle mascherine «tenderei a ribadire l'obbligo» in una nuova ordinanza regionale «ma è chiaro che vorrei avere garanzie dalla Protezione Civile sulla fornitura delle mascherine per tutta la popolazione». Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, in collegamento a SkyTg24. L'attuale ordinanza della Regione valida fino al 3 maggio prevede l'obbligo di coprirsi naso e bocca «ogniqualvolta ci si rechi fuori dall'abitazione».

Coronavirus: fidanzati, sport, parenti, seconde case e bambini: cosa resta vietato (e cosa no) nella fase 2

Coronavirus, dal 4 maggio si riapre: visite ai familiari ma con mascherina, resta l'autocertificazione

Per il governatore la criticità «principale» del nuovo decreto del governo «è la mancanza di regole ben precise che servono per gestire la riapertura». Nel nuovo documento «non si è parlato ad esempio di controllo sul trasporto pubblico, non si è detto niente su cosa devono fare le famiglie per poter gestire i bambini». «Se all'inizio sono stato sicuramente un grande sostenitore del grande rigore, adesso tenuto conto del fatto che ormai è assolutamente accertato che dovremo convivere» con il coronavirus «finché non si individuerà un vaccino, credo che forse si sarebbe potuto allentare un po' i condizionamenti delle chiusure magari imponendo più attenzione nei controlli, nelle misure che devono essere adottate».
 

Ultimo aggiornamento: 13:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani