Coronavirus, l'Unicef: «Nessuna traccia in liquido amniotico o latte materno»

Finora nessuna madre ha trasmesso al figlio il virus attraverso l'utero o il seno
3 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Marzo 2020, 17:18 - Ultimo aggiornamento: 19:12

«Partorire oggi, in piena pandemia da Covid-19 non è facile, ma dà l'opportunità di apprezzare quanto sia importante e prezioso il latte materno per tutti i bambini. Ad oggi, non ci sono evidenze di trasmissione verticale del virus, cioè finora nessuna madre ha trasmesso al figlio il virus attraverso l'utero o l'allattamento; non è stata trovata traccia del virus nel liquido amniotico, nel cordone ombelicale, nel colostro o nel latte materno». Lo dichiara il presidente dell' Unicef Italia Francesco Samengo. «Secondo l'Istituto Superiore della Sanità se la mamma sta bene, può allattare tranquillamente; se ha qualche sintomo è opportuno che segua tutte le misure igieniche, tra cui il lavaggio delle mani e l'uso della mascherina mentre tiene il figlio in braccio e lo allatta; se sta male, è possibile che debba separarsi dal bambino, ma può comunque fornire il suo latte», sottolinea Samengo.

Coronavirus, dal cartone alla plastica ecco quanto resiste sulle diverse superfici
Coronavirus, test del vaccino sull'uomo: volontari tra 18 e 45 anni e senza patologie

«Colgo l'occasione per ringraziare di cuore tutti i medici, gli infermieri, gli operatori, i virologi, i ricercatori che in maniera instancabile, giorno e notte, sono impegnati nella lotta al Covid-19, e quelli che assistano le madri e i bambini in questo drammatico periodo; un ringraziamento particolare a tutto il personale sanitario che nei 30 Ospedali riconosciuti da Unicef e Oms 'Amici dei bambinì aiuta a far nascere e a nutrire nel modo più sano migliaia di neonati italiani. Nel 2018, oltre 31.500 bambini, il 7% dei nati in Italia su un totale di 449.000, sono nati negli Ospedali 'Amici dei bambinì», conclude Samengo.

L' Unicef in Italia promuove il programma 'Insieme per l'Allattamento - Ospedali & Comunità Amici dei Bambinì per diffondere la cultura dell'allattamento e garantire a tutti i bambini una nutrizione adeguata e il miglior inizio di vita possibile. Ad oggi, fanno parte della Rete Unicef in Italia 30 Ospedali - dove i neonati e le loro madri beneficiano dei migliori standard di assistenza in materia di parto e allattamento e 7 Comunità riconosciuti dall' Unicef come Amici dei bambini, 4 Corsi di Laurea riconosciuti Amici dell'Allattamento e oltre 900 Baby Pit Stop - spazi dedicati a tutte le famiglie in cui poter prendersi cura dei propri bambini.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA